Superbike: modificato il circuito di Monza

Nel fine settimana la carovana del campionato superbike avrà modo di misurarsi su uno dei tracciati più importanti del circus, alias il circuito di Monza. In questo contesto sarà possibile ammirare l’ennesima lotta tra Biaggi e Haslam in attesa del ritorno tra i big dei sonnecchianti Noriyuki Haga e Michel Fabrizio. Fermo restando però che andranno monitorati anche gli “outsiders” di turno. Gente come Rea, Byrne e Toseland ha già imboccato la strada giusta verso i piani alti della classifica. Bisognerà capire dunque se riusciranno a proseguire lungo questo sentiero, mettendo definitivamente da parte le magagne del passato.

Alla luce di queste considerazioni è palese che il gran premio che si svolgerà in terra lombarda riserverà parecchi spunti interessanti. Quest’anno inoltre il circuito presenterà delle novità assolute relativamente alla conformazione. Sono stati condotti alcuni lavori sulla pista, finalizzati ad accrescere gli standard di sicurezza. Oggetto di questi interventi è stata la “prima variante“, che è stata modificata in modo tale da prevenire gli incidenti causati dalle vigorose frenate dei piloti o più in generale dal classico “imbuto” che si genere poco dopo la partenza.
 
Pertanto la nuova “prima variante” sarà sicuramente più fluida e veloce oltre che meno temibile. Cosa che sicuramente aggraderà i ragazzi della superbike, visto che già una settimana fa i colleghi del CIV (campionato italiano velocità) si sono detti estremamente soddisfatti per i correttivi apportati.
 
Per la cronaca è bene dire che queste operazioni hanno comportato una riduzione di sedici metri della lunghezza complessiva del tracciato. Dato ovviamente insignificante, soprattutto se si pensa che queste manovre sono state eseguite per tutelare maggiormente l’incolumità dei piloti.