MotoGP: Bridgestone e le gomme per Brno

Bridgestone: un particolare di una gomma montata
In previsione del Gran Premio della Repubblica Ceca, decimo round della MotoGP che si tiene sul circuito di Brno, Bridgestone ha comunicato che porterà mescole dure ed extradure per l’anteriore e medie e dure per il posteriore, senza ricorrere ai pneumatici di tipo asimmetrico dato che la pista non presenta un numero di pieghe in un verso nettamente maggiore rispetto al verso opposto.

I tecnici del costruttore nipponico hanno effettuato quindi scelte piuttosto conservative rispetto a quanto visto per esempio al Sachsenring: la loro maggiore preoccupazione riguarda i cambi di pendenza presenti a Brno e in particolare le curve in discesa, che mettono a dura prova l’anteriore caricata in modo notevole dal trasferimento in avanti del peso della moto
 
Per quanto riguarda invece il posteriore, le curve lunghe e veloci richiedono alla gomma di mantenere stabile la spalla e di garantire una buona trazione in uscita in modo da poter scaricare velocemente a terra tutti i cavalli disponibili. Oltre a tutto ciò, bisogna mettere nel conto anche l’abrasività dell’asfalto, completamente rifatto nel 2008: con un posteriore soggetto a scivolamento eccessivo, questo può provocare un rapido deterioramento delle gomme, soprattutto se il set up della moto e lo stile di guida del pilota dovessero chiedere troppo ai pneumatici
 
Mi sembra che le scelte della casa nipponica metteranno molto probabilmente in crisi il team Rizla Suzuki, sempre in difficoltà in questa stagione nel portare in temperatura le gomme;comunque, in attesa di vedere le scelte dei vari piloti per le sessioni di prova e per la gara di domenica, l’auspicio è che le gomme possano funzionare al meglio e garantire ai piloti la possibilità di dare uno spettacolo di livello dal punto di vista agonistico.