Dalla Cina arriva il brevetto che cambia per sempre il modo di andare in moto: super rivoluzione

Cina, continuano le iniziative nel settore delle due ruote che rendono più sicuri questi prodotti: l’ultima è degna di un film di fantascienza. 

La crescita del settore automobilistico cinese, raccontata con dati impressionanti relativi a brand come MG, BYD e Dr Automobiles che pure utilizza fornitori cinesi per assemblare le sue vetture in Italia, è pareggiata soltanto dai progressi che i brand cinesi hanno fatto anche nel campo delle motociclette e degli scooter in questi ultimi anni, approdando anche in Italia.

moto nuovo brevetto cina cadute
Con questo brevetto, cadere diventa impossibile (Canva) – Nextmoto.it

Ovvio che non è soltanto a causa di prezzi bassi e motori elettrici assemblati a poco che i brand cinesi si sono presi grandi fette di mercato nel mondo. Specialmente se parliamo del settore delle due ruote, dove molte case produttrici sono riuscite a conquistare i clienti con le loro innovazioni radicali, un brand su tutti però sta facendo parlare di se sotto questo punto di vista.

La casa in questione è Voge, un brand attivo anche in Europa: ricordate quando parlavamo del brevetto della casa cinese che aveva inventato un sistema per evitare che le motociclette sottoposte a sollecitazioni troppo importanti cadessero in fase di curva? Bene, abbiamo altre informazioni su questo sistema, elementare quanto geniale!

Con Voge non si cade mai a terra

Il brevetto proposto dalla casa cinese era semplicissimo e consisteva in un paio di rotelle estraibili che avrebbero aumentato la tenuta della motocicletta e sopratutto la sua stabilità anche nelle situazioni più estreme e anche quando la motocicletta è in mano ad un pilota novizio, che magari non ha ancora la malizia per guidare la moto in modo più esperto.

moto brevetto voge per non cadere
Il sistema di Voge ricorda molto quello montato su alcune biciclette (Amazon) – Nextmoto.it

Ora, abbiamo informazioni aggiuntive sul brevetto chiamato Voge RideSafe! Stando alle informazioni trapelate dall’ufficio brevetti che la casa ha usato per depositare questa invenzione, il sistema si attiverebbe tramite un pulsante situato sul manubrio o in automatico, mediante l’utilizzo di sensori ADAS specifici che registrano la posizione della motocicletta.

La due ruote ha la possibilità di far scorrere all’esterno queste due rotelle, montate sulla forcella e non posteriormente come si credeva all’inizio, donando una stabilità maggiore alla motocicletta. Al momento si tratta di un brevetto in fase di studio ma la casa potrebbe presto montarla sui suoi prodotti di serie, dopotutto ha attirato un enorme interesse. Non si tratta del primo progetto simile in ogni caso: anni fa, BMW Motorrad presentò un motorino con un telaio innovativo che di fatto, gli impediva di cadere. Non fu mai prodotto in serie però.

Impostazioni privacy