MV Agusta mette online il suo Museo Virtuale

MV Agusta 350 Bialbero, moto che ha vinto 4 Campionati Mondiali Marca con la coppia Surtees-Hocking
MV Agusta ha da poco messo online il proprio Museo Virtuale, grazie al quale gli appassionati dello storico marchio italiano potranno ripercorrere tutta la storia della casa varesina nata nel 1945 a Verghera, località che viene ricordata nel nome stesso del costruttore: infatti la sigla MV sta per Meccaniche Verghera.

Il Museo Virtuale consente ammirare tutti i modelli preparati dalla casa di Schiranna: dalle moto da competizione che, fino agli anni ’70, hanno regalato a MV Agusta vittorie a ripetizione ( 270 Gran Premi, 37 mondiali marche, 38 mondiali piloti in 25 anni di attività agonistica) fino ai più recenti modelli, come la F4 o la Brutale, veri e propri capolavori moderni del motociclismo italiano e mondiale. Il viaggio virtuale comincia proprio dagli esordi del primo modello, il mitico MV 98cc, che nel 1945 ha segnato l’inizio dell’ avventura su due ruote della casa varesina, e presto si concluderà con la nuova F3, modello con il quale la seconda avventura di Claudio Castiglioni intende lanciare il guanto di sfida al mercato globale
 
Davvero un ottimo archivio che permette a tutti di accedere comodamente da casa propria a tutte le meraviglie del mondo di MV Agusta e di far conoscere la storia del marchio anche in paesi lontani, come ad esempio in Estremo Oriente, mercato su cui la casa punta molto
 
L’auspicio è che la riscoperta del glorioso passato possa essere il miglior viatico per le sfide che attendono la casa varesina in un futuro ancora incerto per quel che riguarda un mercato delle due ruote che continua a mostrare un inesorabile calo delle vendite che si ripercuote su occupazione e prospettive di sviluppo.