Motogp: Denning parla del 2010 della Suzuki

bautista denning

Una delle scuderie che più ha deluso nel corso della passata stagione è stato senza dubbio il team Rizla Suzuki. La squadra guidata da Paul Denning aveva investito ingenti risorse per far si che il 2010 potesse essere l’anno della svolta. Tuttavia, complici molteplici problematiche, così non è stato. Ciò però non ha smorzato le velleità della squadra, che guarda con ottimismo alla prossima stagione. In attesa di ripartire, lo stesso Denning ha rilasciato una sostanziosa intervista ai microfoni del sito ufficiale della motogp, in cui ha analizzato a tutto tondo il campionato conclusosi a favore di Jorge Lorenzo.

È stato un anno di prova considerando tutti gli infortuni, la sfortuna e l’inconsistenza delle performance della nostra moto,” ha dichiarato il tm suzukista. “Ha lavorato bene in alcuni circuiti e in alcune condizioni, ma per nulla bene in altri. Questo ha complicato la ricerca del ritmo per i nostri piloti”.
 
Proprio quei piloti che per Denning hanno svolto un ottimo lavoro. “Hanno lavorato alla perfezione insieme. Sono stati onesti nel confessare le proprie sensazioni sulla moto per migliorarla. Loris sapeva che Álvaro sarebbe stato molto veloce subito, ma questo non l’ha messo sulla difensiva. È sempre stato un giocatore di squadra”.
 
Lo spirito di squadra è dunque l’elemento più importante in casa Suzuki, che l’anno prossimo ripartira dal promettente Bautista. “Álvaro ha già dimostrato di essere un pilota determinato e le sue prestazioni sono migliorate molto durante la stagione. -ha concluso Denning- Se riusciremo a lavorare bene con la moto, renderla più consistente anche in condizioni fredde e se riuscirà a qualificarsi meglio, credo abbia grandi possibilità di correre con i migliori. Sono convinto cha abbia le capacità per correre con quei piloti, abbiamo solo bisogno di una piattaforma su cui migliorare settimana dopo settimana”.