Dalle due alle quattro ruote, la prima automobile di Yamaha è davvero sorprendente!

Avreste mai pensato di vedere un giorno una vera e propria automobile costruita da Yamaha? E non è mica un’auto qualunque, no, si tratta di una supercar innovativa quanto costosa. Ecco la ragione per cui non l’hai mai incontrata circolando per strada.

Ci sono marchi che sono famosi per alcuni prodotti e basta, ad esempio la nipponica e longeva Yamaha ha costruito la sua fama grazie alla MotoGP – e in parte ad un certo pilota italiano noto come il dottore delle piste – e in generale alle due ruote. Ma ha anche prodotto un’automobile, tanto tempo fa…

Yamaha Canva 10_1_2023 NextMoto
Un’automobile mai incontrata prima (NextMoto)

Specialisti del settore

Fondata nel lontano 1955 la compagnia giapponese Yamaha non sarà una delle più antiche case produttrici di motori del grande paese asiatico ma è sicuramente una delle più famose, complici anche le numerose vittorie in MotoGP ottenute nel corso dell’ultimo millennio soprattutto grazie a Valentino Rossi che con la scuderia nipponica ha corso gli anni migliori della sua carriera sportiva.

Ovviamente non si può essere bravi nel fare tutto e benché molte case come Suzuki e Honda riescano a produrre sia ottime motociclette che automobili eccellenti, c’è sempre un’eccezione alla regola: come sia possibile non si sa ma Yamaha non si è mai avventurata nel settore delle quattro ruote. Almeno, così sembrava.

Frontale Canva 10_1_2023 NextMoto
Più che altro è un’astronave (NextMoto)

Qualche piccola chicca

Oltre ad aver prodotto qualche quad come il leggendario Yamaha 700R Raptor il nostro marchio nipponico ha messo un piede in un’occasione nel complicato mondo delle automobili. E non lo ha certo fatto in piccolo, figuriamoci se un nome così importante si accontentava di produrre una utilitaria ibrida. Guardate qui sopra per capire di che parliamo.

Proprio così, nel corso della sua storia Yamaha ha prodotto anche una supercar. Una è il termine giusto dato che al modello purtroppo non hanno avuto seguito altre vetture analoghe. Ma per una serie di ragioni che stiamo per elencare, forse è meglio così, in modo da far restare la OX-99 11 un modello leggendario per sempre nella storia dell’automotive.

Unica nel suo genere

Progettata dal visionario Takuya Yura la Yamaha OX-99 11 è una vera outsider nel panorama automobilistico degli anni in cui è stata presentata. La vettura con una linea davvero astronomica è parte di un progetto speciale che doveva lanciare la casa giapponese nel panorama delle supercar.

Supercar Web Source 10_1_2023 NextMoto
Yamaha OX99-11, destinata a rimanere un sogno proibito (NextMoto)

Dotata tra le altre cose di portiere ad ala di gabbiano, un poderoso motore V12 da ben 400 cavalli di potenza e cerchi in lega in stile Tokyo Drift la supercar OX-99 11 riscosse un successo incredibile quando venne mostrata al pubblico nel 1992 al punto che otto anni dopo, la casa avrebbe prodotto un esemplare unico basato sull’auto.

Forse il marchio non si aspettava un’accoglienza simile poiché non aveva fatto bene i conti: quando i finanziatori dietro il progetto si resero conto dello squilibrio tra coisti e guadagni in caso di una messa in produzione anche in serie limitata dell’automobile infatti, decisero di mandare a monte il progetto. Un vero peccato. Per quattrocento ragioni diverse, ovviamente.