Superbike, Yamaha OK dopo i test di Portimao

La Yamaha quest’anno dovrà cercare di conquistare il mondiale Superbike senza più contare su di un pilota come Ben Spies passato alla MotoGP con il titolo in tasca. Il vuoto è stato colmato da Cal Crutchlow, campione del mondo della Supersport sempre su Yamaha, e James Toseland che ritorna nel campionato. 
 

I due piloti del team Yamaha sono scesi in pista a Portimao per i test dello scorso fine settimana riuscendo a ottenere delle buone prestazioni con la Yamaha R1 ufficiale, avvicinando la prima posizione soprattutto nel caso di Cal Crutchlow sempre più a suo agio con la Superbike.

Cal Crutchlow nell’ultimo giorno è riuscito a sfiorare il miglior tempo anche se è stato autore di una brutta caduta che ha in parte compromesso le sue prove. 
 

“E’ stato molto frustrante cadere, la pista era molto scivolosa e quindi era inevitabile che accadesse ma mi è costato molto in termini di tempo. 
 

I test sono andati molto bene, abbiamo lavorato utilizzando molte soluzioni e penso di essere vicino ad una buona messa a punto in vista della prima gara. Non vedo l’ora di andare in Australia per l’ultimo test utile prima del via della stagione.” 
 

Anche James Toseland è soddisfatto e spera sin dalla prima gara stagionale di poter lottare per la vittoria del campionato del mondo Superbike. 
 

“Sono soddisfatto, abbiamo lavorato con molto materiale durante i tre giorni ed ho fatto dei grandi passi avanti nella comprensione del mezzo. Il team ha lavorato davvero bene e sono soddisfatto per essere riuscito a mantenere un passo gara sempre costante. Non vedo l’ora di ricominciare…”