Superbike, Superpole per Cal Crutchlow

La Superpole di Portimao ha confermato di essere un elemento fondamentale per la spettacolarità della Superbike. Nei corso dei tre step del momento determinante per la formazione della griglia, molti sono stati gli episodi che hanno catalizzato l’interesse degli appassionati giunti sul circuito portoghese e di quelli che hanno seguito la prova in TV 
 

La Yamaha è riuscita a conquistare di nuovo una Superpole questa volta con Cal Crutchlow. Il campione del mondo della Supersport ha sfruttato al meglio le gomme di qualifica ed è sceso di poco più di tre decimi sotto il record ufficioso stabilito dal campione del mondo uscente Ben Spies (Yamaha).

A fianco dell’inglese in prima fila ci sarà un Max Biaggi (Aprilia) molto grintoso che è stato sempre veloce anche in assetto gara e che domani si muoverà con a fianco anche Carlos Checa (Ducati) e Leon Haslam (Suzuki), vincitori delle due gare a Phillip Island. 
 

Dalla seconda fila partiranno le due Ducati “private” di Smrz e Byrne, insieme alla Honda di Jonathan Rea e alla BMW di Troy Corser. L’australiano è stato vittima della rottura del motore nel primo step ma, tornato subito ai box, è riuscito a realizzare tempi che lo hanno portato, appunto in seconda fila. 
 

Sfortunato James Toseland, sbalzato dalla sua Yamaha R1 nel corso della seconda frazione, che si muoverà dalla quarta fila insieme ai due italiani Lanzi e Scassa e a Neukirchner, anche lui caduto. 
 

Superpole negativa per la Ducati ufficiale con Fabrizio e Haga eliminati già dalla prima frazione e che domani partiranno dalla quinta fila, insieme alle BMW private di Pitt e Tamada. Per le bicilindriche bolognesi una gara che comincia con una rimonta. 
 

La prima fila vedrà così Cal Crutchlow in pole davanti a Biaggi, Checa e Haslam, quattro piloti con quattro diverse moto, come spesso succede in Superbike.