Superbike, la Ducati per la vittoria a Portimao

Il circuito di Portimao ospiterà quest’anno la prima gara europea del campionato Mondiale Superbike 2010. Lo spettacolare e selettivo tracciato portoghese è stato, negli ultimi due anni, teatro della prova conclusiva del Campionato Mondiale SBK, ospitando sempre gare di altissimo livello e ricche di grandi emozioni, come la doppietta di Troy Bayliss per il Ducati Xerox Team nel 2008, seguito dallo showdown tra il pilota Ducati Xerox Noriyuki Haga e Ben Spies sulla Yamaha nel 2009. 
 

Mentre nel 2008 Bayliss si era presentato all’ultimo appuntamento con la certezza matematica del titolo, lo scorso anno la lotta per l’iride piloti è rimasta aperta e combattuta fino al ultimo round.

Come è facile ricordare, la caduta occorsa a Noriyuki Haga durante la prima manche pregiudicò inevitabilmente il risultato finale e, malgrado il secondo posto ottenuto in Gara 2, Haga perse il titolo per solo sei punti, dovendosi accontentare del secondo posto assoluto alle spalle dell’americano Spies. Gara 2 vide la vittoria di Michel Fabrizio, che fece registrare anche un nuovo record sul giro, concludendo la stagione 2009 in terza posizione. 
 

Girando pagina, la stagione 2010 è già partita e lo spettacolo ha avuto inizio tre settimane fa, con la gara di Phillip Island, dove i piloti Ducati Xerox Michel Fabrizio e Noriyuki Haga, ovviamente tra i favoriti per la corsa al titolo 2010, hanno mostrato subito le loro bellicose intenzioni, ottenendo tre podi (Michel 2° e 3°, Nori 3°). 
 

Michel ha mancato la vittoria per pochissimo, preceduto alla bandiera a scacchi di appena quattro millesimi di secondo dalla Suzuki di Leon Haslam, mentre Nori, vittima di una caduta nel warm-up di domenica mattina, ha comunque combattuto senza mai risparmiarsi, come è nel suo carattere, conquistando 27 punti nelle due manche. 
 

“Abbiamo iniziato bene la stagione e abbiamo raccolto dei buoni punti nelle due manche di Phillip Island”, dice Michel Fabrizio. “E’ un peccato aver perso la vittoria per così poco in gara 1 ma mi sono divertito tanto e sono comunque in seconda posizione in classifica che non è male. Adesso ci trasferiamo a Portimao, un’altra pista che mi piace molto e dove cercherò di vincere; ho bisogno di consolidare la mia posizione perché quest’anno sarà sicuramente sia lungo che molto combattuto.” 
 

A Noriyuki Haga, forse anche per aver perso il titolo lo scorso anno, non piace poi tanto Portimao. “Ho avuto qualche problema durante le gare di Phillip Island dopo essere caduto prima nel warm-up. Mi facevano molto male il braccio destro e la schiena per cui ho fatto fatica tenere il passo di Michel, Checa e Haslam. 
 

Tutto sommato sono contento dei risultati e i punti guadagnati. Adesso torniamo a Portimao per il secondo round e, anche se non è uno dei miei circuiti preferiti, speriamo di poter ottenere due buoni risultati.”