Mv Agusta risale la china nelle vendite

[galleria id=”1749″]Il momento storico non è di certo tra i più propizi. La crisi economica ha letteralmente piegato in due il mercato delle due ruote. Conseguenze naturali e disdicevoli di questo trend sono state la delocalizzazioni delle sedi produttive (o in alternativa del personale), ma soprattutto il licenziamento di molti operai. La speranza è ovviamente che le vendite possano tornare gradualmente su buoni livelli. In questo senso potrebbe essere d’aiuto il recente varo dei nuovi incentivi moto, anche se la loro incidenza potrà essere appurata solo tra qualche mese. Va sottolineato però che alcuni costruttori hanno già fatto registrare un discreto incremento nelle vendite di motocicli.

Una di questi è l’italiana Mv Agusta, che da circa due anni è diventata una “costola” del gruppo Harley-Davidson. La casa di Lambrate ha recentemente constatato un aumento delle immatricolazioni nel primo trimestre del 2010 pari al 50% rispetto ai dati dello scorso anno. Segno dunque che qualcosa stia iniziando a muoversi.
 
Va detto che lo storico brand appartenuto alla Cagiva ha avuto il merito di aver sfornato ne mesi passati delle moto estremamente interessanti. Nel corso dell’Eicma 2009 tutto il mondo è rimasto piacevolmente colpito dalla visione della Mv Brutale e della nuovissima Mv F4.
 
La prima infatti (nelle versioni 990R e 1090 RR) ha ampiamente dimostrato di essere la regina del segmento naked non solo nel belpaese ma anche in tutta Europa. La seconda invece si è fatta apprezzare per la spiccata vocazione sportiva, che le ha permesso inoltre di diventare in tempi brevi un autentico ed acclamato best seller.