MotoGP Barcellona: Lorenzo inarrestabile e senza rivali

Jorge Lorenzo vince anche a Barcellona
La classe regina del motomondiale è sempre e solo terreno di conquista di Jorge Lorenzo: il maiorchino vince ancora e il compito gli è facilitato dagli errori dei suoi più diretti rivali. Daniel Pedrosa parte bene ma va subito largo alla prima curva e deve fare una gara in rimonta; Casey Stoner lo imita poco prima di metà gara con identici risultati e Andrea Dovizioso, l’unico che per breve tempo ha sopravanzato lo spagnolo, perde l’anteriore, si stende e al suo rientro è indietro nelle posizioni.

Lorenzo invece errori non ne fa più e continua a vincere davanti proprio a Pedrosa e a Stoner; segue Randy de Puniet, come sempre migliore in prova che in gara. Tra gli italiani, Marco Simoncelli è autore di una gara consistente, almeno fino a quando non decide di stendersi: anche l’anno scorso in 250 il pilota romagnolo era tornato da Barcellona a mani vuote. Meglio invece Capirossi, settimo con una Suzuki completamente rinata tanto che anche lo spagnolo Alvaro Baustista porta a casa un insperato quinto posto davanti a Ben Spies, che fa qualche passo indietro rispetto ad Assen. Marco Melandri è solo nono, preceduto dalla seconda Ducati di Nicky Hayden
 
In ottica mondiale non cambia molto: senza Valentino Rossi, Lorenzo non ha rivali e sembra indirizzato verso un successo che appare addirittura scontato vista soprattutto l’inconsistenza degli avversari, capaci di sbagliare anche quando sembrano averne per poter almeno stare con lo spagnolo. I prossimi appuntamenti chiariranno definitivamente se ci aspetta un dominio spagnolo o se ci sarà qualcuno capace di incrinare le granitiche certezze di Lorenzo e del suo team Fiat Yamaha.