Moto in Italia, attenzione alla truffa: così ti fregano per davvero, occhi aperti

Se intendi acquistare una motocicletta di questo tipo, devi avere gli occhi anche di dietro! Potrebbero infatti truffarti con facilità enorme se non sai quali dettagli guardare. 

Le truffe nel mondo dei motori sono purtroppo all’ordine del giorno: esistono davvero tanti malintenzionati che sanno il fatto loro e che non vanno sottovalutati in quanto in grado di sfilarvi una bella cifra per un veicolo falso, contraffatto o rubato. Certo, potreste pensare che a voi una truffa non capiterà mai perchè siete troppo svegli, ma è proprio su questo atteggiamento che fanno leva i criminali.

Una pericolosa truffa
Una truffa ben costruita – Nextmoto.it

Oggi, non parliamo di banali truffe da strada come quella dello specchietto rotto bensì di un fenomeno molto più subdolo, preoccupante e che riguarda una categoria ben specifica di acquirenti in cerca di due ruote. Infatti, la truffa di cui parliamo di articola nel mercato delle motociclette d’epoca che è sicuramente parecchio vivo nel nostro paese, anche se di nicchia rispetto a quello delle moto moderne.

Quando comprate una motocicletta d’epoca, non state solo spendendo qualche migliaio di Euro per il vecchio Piaggio con cui andate a lavoro, qui parliamo di acquisti che possono superare tranquillamente i 10mila Euro per modelli che hanno una rilevanza ed un valore storico impressionanti. Un motivo in più per tenere gli occhi aperti, giusto per stare sicuri.

Controlla sempre queste cose…

Secondo un articolo pubblicato su La Gazzetta Dello Sport si sta diffondendo nel nostro paese la tendenza a vendere motociclette che sono delle repliche di modelli storici spacciate come veritiere: ora, nel realizzare e vendere una replica di un’automobile o una moto famosa non c’è assolutamente nulla di illecito, a patto che il compratore sappia cosa sta acquistando.

Purtroppo però molti casi hanno visto degli appassionati acquistare modelli storici per trovarsi tra le mani un mezzo falso, costruito con componenti che non sono nemmeno lontanamente paragonabili a quelli d’epoca che valgono una fortuna ma soprattutto, fanno la storia del mezzo che state comprando. Vittima più illustre della truffa? La moto sportiva Laverda Sfc del 1971 che vale ben 6.500 Euro come cifra minima, tramite un bel giro online.

Truffa motociclette epoca
Questa motocicletta in particolare, la Laverda Sfc, viene spesso usata per truffare i clienti… (Subito.it) – Nextmoto.it

L’unica difesa contro queste truffe elaborate e spesso impossibili da captare anche per un centauro molto esperto è rappresentata dalla documentazione del mezzo: controllate sempre documentazione, atti di proprietà e soprattutto, numeri di telaio quando comprate un mezzo di questo tipo che deve essere certificato come moto d’epoca. Rivolgetevi a siti affidabili o meglio ancora a persone che conoscete nella vita reale, non incontrate sui social. E forse, la truffa sarà schivata alla grande.

Impostazioni privacy