Moto elettrica, ora cambia tutto: BMW rivoluzionaria con il suo brevetto

BMW da tempo si sta impegnando a fare un qualcosa in più nell’ambito dell’elettrico: è perciò pronta a rivoluzionare tutto con il suo brevetto!

BMW cerca costantemente di essere un passo avanti alle sue ‘rivali’ sul mercato e per farlo è in costante sfida soprattutto con sé stessa. Già da tempo ha intrapreso, per esplorare nuovi orizzonti, il proprio cammino nell’universo dell’elettrico. Ma adesso punta a essere decisamente rivoluzionaria! Ecco i dettagli.

Moto elettrica, ora cambia tutto: BMW rivoluzionaria con il suo brevetto
BMW – NextMoto.it

BMW sta perciò lavorando tanto nel campo dell’elettrico non solamente per le proprie auto ma anche con i suoi modelli a due ruote. Innovativo è stato senz’altro in questo senso il CE 02, definito dalla stessa Casa un ‘eParkourer’, cioè una sorta di e-scooter che ha voluto promettere una guida facile e divertente in città.

Non è stato questo il primo approccio all’elettrico, ma è diventato comunque un ponte di passaggio per chi non ha mai provato prima di lui a interfacciarsi con il mondo delle due ruote e soprattutto targato BMW. Da questo poi il noto marchio ha fatto anche molto di più. Si è lanciato adesso nella creazione di un nuovo brevetto che stupirà chiunque.

BMW supera sé stessa e crea un telaio monoscocca per moto elettrica: a lavoro per il brevetto

BMW Motorrad sta perciò lavorando a un nuovo brevetto, quello che prevede la creazione di un telaio monoscocca per moto 100% elettriche. Sugli e-scooter si stanno già facendo passi da gigante e man mano si sta convincendo una fetta sempre più ampia dei papabili clienti.

Ma la sfida adesso è quella di portare le stesse convinzioni e idee anche sulle moto per crearne di full electric. Difficile dire quando un modello simili possa arrivare sul mercato ed essere acquistato, ma intanto da ‘Cycleworld’ sono stati mostrati i primi dettagli sul brevetto.

Fondamentalmente BMW sta lavorando per far sì che il posizionamento delle batterie e l’utilizzo dell’elettronica di controllo non vadano a modificare le dimensioni che le parti essenziali delle sue moto già hanno.

Si vuole perciò impattare il meno possibile su parti come telaio e supporti. Di fatto si sta lavorando a ritmi serrati su un telaio che possa essere quanto più possibile modulare. Ma sicuramente non è una sfida semplice e probabilmente ci sarà per questo bisogno di più tempo.

Impostazioni privacy