Marquez, il grande rivale non lo risparmia: demolito con una parola

Una dichiarazione forte nei confronti di Marquez è arrivata da un grande rivale. Il motivo della critica è lampante 

Il paddock di MotoGP è spietatissimo, soprattutto quando c’è da criticare qualcuno che, negli anni, ti ha dato moltissimo filo da torcere. L’attuale dominio di Ducati è frutto di un durissimo lavoro svolto negli ultimi anni sia dal team ufficiale che dai team satelliti, e oggi chi guida o gestisce una Rossa sente di poter dire la sua essendo in una posizione avvantaggiata rispetto agli altri.

Marc Marquez critica Uccio Salucci
Marquez, un rivale ci è andato giù pesanti (Ansa) – Nextmoto.it

È il caso di Alessio Salucci, “Uccio” per gli amici. Amico fraterno di Valentino Rossi, Uccio ha fatto tutta la gavetta possibile, prima al fianco del Dottore e poi alla guida del team VR46 da quando ha iniziato a gareggiare nelle categorie minori. Tra Moto3, Moto 2 e MotoGP, Uccio si sta togliendo belle soddisfazioni. Emblematico quanto sta facendo Marco Bezzecchi, in lotta per il Mondiale contro Bagnaia, al suo secondo anno in classe regina.

Nel 2024 scadrà l’accordo tra Team VR46 e Ducati. A riguardo, Uccio ha dichiarato di aver già iniziato una conversazione, seppur blanda, con Gigi Dall’Igna per proseguire eventualmente la fornitura con la casa di Borgo Panigale anche per le prossime stagioni.

Uccio non si risparmia, forti critiche alla Honda e a Marquez

Come direttore sportivo del team Mooney VR46, Alessio Salucci ha fortemente criticato la Honda e Marquez, attualmente in un momento estremamente buio. “Sembra che stiano brancolando nel buio, quando passi davanti al loro box si vedono telai e forcelloni per terra“, ha dichiarato Uccio come si legge su Corsedimoto.

Dichiarazioni Uccio Salucci contro Marquez
Uccio Salucci non risparmia critiche per Marc (Ansa) – Nextmoto.it

Secondo Salucci, il problema principale di Honda è stato l‘aver seguito troppo le indicazioni di Marquez anche quando scartava aggiornamenti che avrebbero potuto aiutare che gli altri piloti Honda. “Secondo me hanno seguito le indicazioni di Marquez, ma se non riesce a guidarla lui, figuriamoci gli altri piloti”, ha commentato Salucci che poi ha aggiunto: “Secondo me Marc è stato anche troppo egoista. Quando capiva che una cosa poteva aiutare anche gli altri piloti Honda, lui la bocciava.”

Solo il ritorno in pista, a Silverstone, chiarirà la situazione del team giapponese. Vedremo, sullo storico tracciato britannico, se Honda avrà davvero lavorato bene durante la sosta per cercare di tornare competitiva. Il gap con Ducati, al momento, è enorme, ma la MotoGp ci ha abituati a stravolgimenti improvvisi e Marc Marquez non sarà di certo disposto ad occupare ancora posizioni arretrate in griglia.

Impostazioni privacy