Honda CBR 600RR C-ABS: rivoluzione in atto

[galleria id=”135″]Non si può parlare di “versione”, nè tantomeno di una “serie accessoriata” particolare. La Honda CBR 600RR C-ABS è, a tutti gli effetti, un modello assestante.

Questa l’intenzione, obiettivo e filosofia Honda, che ha deciso di rompere gli indugi, affiancando alla nuova CBR un modello dotato dell’ABS, atteso da due anni a questa parte, arrivato finalmente a cambiare, se vogliamo, volto e futuro delle supersportive. 
 

Sarà probabilmente la CBR-ABS il modello di punta da qui ai prossimi anni: lo si evince dalla cura nei dettagli, dalle grafiche, dagli ingenti investimenti. 
 

Per conseguire questo obiettivo la Honda ha sviluppato a pieno regime il sistema ABS-CBS a controllo elettronico. Sicurezza prima di tutto, ma senza pregiudicare la vena sportiva della CBR. Con questo, soprattutto, si sono dovuti scontrare i tecnici di Tokyo: mantenere inalterate le doti velocistiche della 600RR, consentendo a chiunque di viaggiare in piena sicurezza, ma senza intaccare il proprio stile di guida. 
 

In poche parole grazie al sistema ABS-CBS chiunque può frenare sempre al limite, secondo “prassi della pista”. In Honda assicurano che, secondo le loro comparazioni, l’ABS garantisca sempre prestazioni superiori rispetto alle effettive capacità del pilota. La tecnologia batte l’uomo, insomma… 
 

I puristi storceranno il naso, ma questo è il futuro. La Honda, bisogna dirlo, ha lavorato bene, considerando che siamo agli albori di quel che sarà il futuro tecnologico delle sportive. Lo scoglio da superare è il convincimento da parte degli amanti della guida “racing”, ma anche un aspetto tecnico: il peso. 
 

Sì, perchè la CBR 600RR C-ABS pesa 10 kilogrammi in più rispetto alla versione “standard”: 194 a dispetto dei canonici 184 kilogrammi. In un prossimo futuro, lo scarto sarà minimo, assicurano in Honda…