Harley Davidson: la crisi si aggrava

Harley Davidson Motorcycles
La crisi ha colpito duro molti costruttori di motociclette ma per Harley Davidson sembra aggravarsi particolarmente in quanto il netto calo delle vendite si sta accompagnando ad una diminuzione dell’appeal del marchio. Infatti, secondo Interbrand, società che stilla ogni anno la classifica dei cento marchi più importanti al mondo, la casa di Milwaukee è passata dal 76° al 98° posto con una perdita complessiva di valore pari a circa un miliardo di dollari.

Contemporaneamente il costruttore americano si trova a dover fare i conti con le richieste dei sindacati (che rivendicano le indennità di licenziamento e sanitarie per i dipendenti che hanno perso il posto di lavoro a causa dei tagli del personale) e con un’età media dei clienti piuttosto avanzata, cosa alquanto preoccupante in prospettiva futura e motivo per cui la gamma 2011 di Harley Davidson ha riproposto alcuni modelli che avevano attirato l’interesse dei più giovani. 
 
In questo senso sono state poco lungimiranti le decisioni di chiudere Buell e di vendere MV Agusta, marchi decisamente più adatti per attirare un pubblico più giovane soprattutto nei mercati europei dove la casa di Schiranna può contare su uno zoccolo duro di appassionati che il main brand non ha e forse non avrà mai. 
 
Di certo il calo delle vendite e le richieste dei sindacati mettono gli amministratori di Harley di fronte ad una situazione che richiederebbe forti investimenti che la casa di Milwaukee forse non si può permettere e che rischiano di compromettere ancor più una situazione non certo brillante, tanto che c’è chi profetizza un abbandono degli storici stabilimenti nel Wisconsin che avrebbe davvero dell’incredibile perché colpirebbe al cuore la storia e il mito stessi del marchio.