Airbag meccanico per moto e scooter: la nostra prova video

airbag_moto

La sicurezza su due ruote è un tema sempre molto delicato e non facile da affrontare soprattutto perché stare su due ruote vuol dire essere passivi di innumerevoli variabili. Da un po’ di tempo si parla fortunatamente di airbag sulle due ruote ma poco si sa. 
All’Eicma 2011 a Milano abbiamo incontrato due tipologie di airbag, elettronici e meccanci. In questo articolo vi parliamo del sistema meccanico MOTOAIRBAG, sistema airbag inserito in un gilet da moto che si attiva in caso di caduta proteggendo la colonna vertebrale del motociclista.

Motoairbag si indossa sopra qualunque giacca o capo tecnico per moto e scooter adattandosi perfettamente grazie a dei materiali elastici e quindi non è assolutamente necessario acquistare un modello due o tre taglie in piu’ pensando di dover mettere in futuro sopra un giubbotto tecnico. 
 

SONY DSC

Il capo o gillet con il sistema meccanico interno è realizzato con materiale resistente e presenta lateralmente degli inserti elastici che permette una vestibilità ottimale in tutte le stagioni e per tutte le corporature. 
Grazie a questi inserti laterali il sistema puo’ essere estratto per essere revisionato e per poter rendere agibile la pulitura e lavaggio del gillet. 
 

SONY DSC

Ma come funziona questo Motoairbag? Il meccanismo è basato su un generatore di gas interamente meccanico a pura espansione fredda che non impiega nessun componente esplosivo ma una bombola di CO2 in pressione che permette il gonfiaggio del Motoairbag meccanico; una volta attivato rimane nello stato protettivo per circa un minuto, dopo di che si sgonfia gradualmente.  
 
Naturalmente ogni dispositivo di airbag deve aprirsi in tempi rapidissimi per essere efficace e il Motoairbag si apre in soli 80 millisecondi [ms]. Lo abbiamo provato per quanto possibile evitando una reale caduta dalla moto ma facendoci colpire da una mazza da baseball e possiamo confermare che non ci sono caduti nemmeno gli occhiali per il contraccolpo. 
 
I prezzi partono da 400 euro. Una volta che il sistema si apre dopo un impatto deve essere fatto controllare per sicurezza, è consigliato; ecco il video della presentazione e prova