Valentino Rossi pensa al futuro in rally




Valentino Rossi, a pochi giorni dal Gran Premio del Giappone, ribadisce la sua passione per le corse automobilistiche. Anche se il ritiro dalle competizioni ufficiali è molto lontano egli prevede un futuro di lunga durata nel rally, sport che da sempre lo attrae e a cui si dedica quando gli impegni in motoGP glielo permettono.
”Spero di passare alle quattro ruote. So che e’ tardi per la Formula 1, ma vorrei avere una seconda parte di carriera su una macchina. E’ sempre stata una mia grande passione, mio padre Graziano guidava anche auto rally, quindi mi auguro altri 10 anni in questa specialità”, ha affermato il centauro di Tavullia.


Rossi fu vicinissimo ad indossare la tuta più prestigiosa, quella rossa del cavallino rampante Ferrari, un’accoppiata che aveva fatto sognare ad occhi aperti tutti gli appassionati di motori. Alla fine Valentino rimase in sella alla sua moto, per la gioia di chi segue le corse motociclistiche, deludendo però chi sperava nell’ingresso in Formula Uno dell’otto volte campione del mondo.
Il pilota italiano rimanda alla scadenza del suo contratto con la Yamaha, fissata nel 2010, ogni decisione definitiva in merito al suo futuro, anche se sembra evidente come Rossi muoia dalla voglia di perfezionare il feeling con il mondo dei controsterzi, e di migliorare il dodicesimo posto ottenuto a dicembre nel Wales Rally GB, ultima prova del World Rally Championship 2008, a bordo della Ford Focus.


Per un fenomeno della velocità come Valentino Rossi l’obiettivo è sempre quello di essere il numero uno, qualunque sia il mezzo con cui si corre. Nell’attesa ci auguriamo di vederlo al primo posto nel prossimo Gran Premio in programma domenica al Twin Rings di Motegi.