Valentino Rossi: ecco la gara più dura che ha mai corso, la rivelazione è incredibile

L’ex pilota di Aprilia, Honda, Ducati e Yamaha ha disputato 432 gare nel Motomondiale. Ecco la corsa più tosta affrontata da Valentino Rossi in carriera.

Il centauro di Tavullia ha vinto 115 GP, marcando 235 podi totali. E’ tra i piloti più forti di tutti tempi, l’unico in grado di vincere tutte le classi a cui ha preso parte. Dopo aver fatto faville in 125 e 250 sulle moto della casa di Noale, ottenne il primo successo nella classe regina, quando era ancora 500, in sella alla Honda. Il Dottore fu il degno erede di Mick Doohan.

La preoccupazione di Valentino Rossi
Valentino Rossi (Ansa) nextmoto.it

Sembrava la favola perfetta, ma anche i più grandi amori sono destinati a finire. Dopo aver trionfato nei due anni successivi in MotoGP con la casa di Tokio, il #46, nel 2004, scelse di sposare il progetto della Yamaha, prendendosi grossi rischi. Con sé portò uomini fidati e un know-how che la Honda non gli ha mai più perdonato. Vincendo in sella alla M1 il figlio d’arte di Graziano ha scritto la storia del motociclismo, elevandosi a leggenda vivente.

In era MotoGP solo Casey Stoner è stato in grado di conquistare due mondiali su due moto diverse. Nella casa di Iwata l’idillio finì con l’arrivo di Jorge Lorenzo. Dopo il primo mondiale del maiorchino, il rider di Tavullia decise di provare la scommessa Ducati, ma la casa di Borgo Panigale non era quella attuale e non trovò in dote una Desmosedici all’altezza delle sue ambizioni. Dopo due annate avare di soddisfazioni, Vale tornò in Yamaha e sfiorò il decimo mondiale nel 2015.

Dopo un lento declino i vertici della casa di Iwata decisero che era arrivato il momento di premiare un giovane in prima squadra. Nel 2021 Fabio Quartararo fu selezionato per prendere il posto del veterano. A 42 anni il #46 corse la sua ultima stagione nel team satellite Petronas, non riuscendo, per la prima volta in carriera, a cogliere un podio.

Valentino Rossi, ecco il suo GP più difficile

L’ultima annata in MotoGP fu un vero calvario. Il feeling con la M1 e con la squadra non scattò e il 9 volte iridato si ritrovò spesso in posizioni di rincalzo, lamentandosi delle gomme o della potenza del motore. In sostanza ha anticipato quanto è accaduto, nel 2023, a Quartararo e Morbidelli. Il francese, campione del mondo del 2021, ha iniziato a criticare i vertici della casa nipponica, chiedendo degli aggiornamenti che non sono ancora arrivati.

Valentino Rossi, ecco il suo GP più difficile
Valentino Rossi in MotoGP nel 2021 (Ansa) nextmoto.it

Rossi decise di salutare tutti al temine del 2021, ma in quel campionato affrontò un momento di assoluta agonia. Ad Austin visse l’esperienza più dura della sua intera carriera, come ammise dopo la quindicesima posizione finale. Il tracciato del COTA è tra i più demanding dell’intero calendario e per l’ex rider della Yamaha fu una sofferenza atroce.

Nel post GP Valentino dichiarò: “Si è trattate della gara più tosta della mia carriera dal punto di vista fisico, per i numerosi cambi di direzione, il caldo, le frenate“. Senza ritmo né velocità il centauro di Tavullia portò a casa un solo punticino.

Impostazioni privacy