Valentino Rossi e le cose più belle dei suoi 30 anni

Abbiamo già trattato ampiamente oggi il compleanno di Valentino Rossi: giunto al traguardo dei 30 anni, il Campione di Tavullia guarda al futuro.
E ad un futuro fatto di passioni, di divertimento e, ovviamente, di competizioni.

Nell’ articolo sulla futura organizzazione della vita di Valentino Rossi abbiamo parlato di famiglia e di carriera.
Un Valentino vincente, quindi, in un ambito, quello “lavorativo”, in cui la figura di Rossi brilla di luce propria ormai da molto tempo e che non ha bisogno di ulteriori presentazioni.
 
Parliamo adesso, invece, delle passioni di Valentino, di quello che gli piace, dei suoi amori, delle sue storie, e di quello che vorrebbe che il futuro gli riservasse.
E, soprattutto, quali le cose più belle che il Valentino-persona abbia mai avuto.
 
Si inizia da una domanda classica, ossia “Quali le tre cose più belle capitate in questi primi trent’anni“, domanda a cui il folletto di Tavullia risponde con un’ adeguata serenità: “Nella vita sicuramente il rapporto che ho con la mia famiglia, i miei genitori e con gli amici: sono cose abbastanza speciali e per questo sono fortunato. Nelle gare ho tanti momenti da ricordare. Quello che mi fa più godere è aver avuto le palle di andare alla Yamaha e aver vinto anche con loro“.
 
Si sconfina, poi, in campo motoristico: Quale la più bella moto mai guidata? La risposta è semplicemente ardua!
La Yamaha dell’anno scorso. – dice Valentino. Che poi aggiunge – In effetti la 500 è la moto in assoluto più emozionante, era una Honda… Non che abbia niente contro di loro, ma voglio legare il mio pensiero migliore a una Yamaha. Però, la prima volta che a Jerez nel dicembre del ’99 ho guidato la 500, mamma mia che sensazioni! Mai un mezzo a motore mi aveva emozionato di più“.
 
Voltando la pagina delle due ruote, per passare alle quattro (potrebbe essere la futura carriera del Rossi-motociclista in pensione?): Quale la macchina più affascinante?
Assolutamente la Ferrari Formula 1. – è la sicura risposta del centauro – Quando entri dentro ti viene la pelle d’oca. A me piacciono i rally, ma se entri in una Ford Focus è “normale”. La Ferrari ti trasmette qualcosa. Senti la storia che c’è dietro. La Ferrari è “La Macchina“.
 
E infine, una domanda a bruciapelo per il Valentino-single.
Quale l’ amore più importante?. Valentino Rossi non ha dubbi: “Sicuramente Arianna. È stata la mia storia più intensa“.
 
Nessuno dica a lei che lui l’ ha chiamata solo “storia”…