Superbike Nurburgring: Rea conquista gara 1

Jonathan Rea si è aggiudicato la prima manche del gp tedesco. La gara al Nurburgring non è stato però alquanto ordinaria. Nel corso del primo giro un high-side di Leon Haslam, che peraltro ha coinvolto anche Troy Corser e James Toseland, ha costretto i giudici di gara a far sventolare la bandiera rossa con conseguente sospensione delle “danze”. Fortunatamente però non ci sono state conseguenze gravose, tanto che il britannico della Suzuki è tornato nuovamente in sella alla sua moto per concludere il gp.

Gp che in ultima analisi è andato a Johnny Rea, bravo a capitalizzare al meglio una prestazione ordinaria, divenuta col passare dei giri oltremodo convincente alla luce soprattutto delle sbavature e delle cadute in cui sono incappati molti riders. Secondo invece è giunto Carlos Checa, che nonostante la tenacia non è riuscito ad impensierire concretamente il collega della Honda.
 
Ottima prova per Crutchlow, che ha colto un buon terzo posto a fronte di una prestazione non troppo convincente. Partito alla grande, il compagno di squadra di Toseland è pian piano scemato, arrivando perfino a subire il ritorno di Max Biaggi (rivelatosi infruttuoso). Il bilancio del “corsaro” è comunque positivo. La quarta posizione va considerata decisamente buona, visto il sesto posto ottenuto dal claudicante Haslam.
 
Tra i due leader del mondiale, va segnalata inoltre l’interposizione di Sykes, che in sella alla “mediocre” Kawasaki ha condotto una gara magistrale, impreziosita da un inimmaginabile quinto posto finale.
 
Capitolo italiani. Scassa decimo e Lorenzo undicesimo hanno fatto la parte dei leoni in una giornata in cui, Biaggi a parte, non ci sono stati grandi sussulti. Fabrizio infatti è caduto, così come il collega Haga, mentre Lai è stato costretto al ritiro all’ultimo passaggio. Male invece Baiocco, quattordicesimo ed ultimo della classe.