Superbike: Biaggi si gode il momento d’oro

Si era detto che il 2010 sarebbe stato l’anno dell’Aprilia, e a guardare il primo scorcio di stagione pare proprio che questo pronostico sia stato quantomai azzeccato. Un Max Biaggi così non si vedeva da tempo. Merito sia dell’inossidabile costanza del “corsaro” che della competitività della nuova RSV4. E proprio questo binomio ha permesso al romano di disputare tre grandissime prove in altrettanti gp (Phillip Island, Portimao e Valencia). Prove che gli hanno consentito di balzare nei piani alti della generale dietro al famelico Leon Haslam.

A questo punto dunque è logico che la casa di Noale inizi seriamente a pensare in grande. Del resto ad oggi non sembrano esserci seri pretendenti al titolo del world superbike championship.
 
Haga, Fabrizio, Toseland e Rea sono infatti in leggera difficoltà, anche recentemente hanno dato segnali di vita, mentre il binomio composto da Carlos Checa e Shane Byrne, nonostante la buona forma iniziale, potrebbe anche cedere il passo alla lunga.
 
Proprio per questo Biaggi e Co. hanno manifestato a più riprese la volontà di dare il massimo per far saltare il banco il prima possibile. Quest’anno inoltre, moto veloce a parte, potranno anche contare su un ottimo asso nella manica (l’adozione della distribuzione a cascata d’ingranaggi) che potrebbe portargli degli ottimi benefici in termini prestazionali in quanto ampiamente testato durante la “preaseason”.
 
Alla luce di questi elementi, risulta più che comprensibile l’entusiasmo palesato da Max Biaggi nel corso delle ultime interviste. Chiamato ad operare un distinguo tra la stagione 2009 e quella attuale, il romano ha affermato con grande ottimismo e senza alcuna ipocrisia: “‘Era solo il primo anno di corse per la nostra moto nel 2009 e c’e’ stato bisogno di un po’ di ‘rodaggio’. Ora abbiamo preparato al meglio il tutto e possiamo essere della partita in ogni situazione. Io sono motivatissimo e non mi risparmio di certo‘.