Rally Lite Desert Series al via nel 2012

Deserto: una moto solitaria
Il Rally Lite Desert Series è l’ultima invenzione di Edo Mossi, pilota ma soprattutto organizzatore di manifestazioni di successo come il Merzouga Rally, che, in soli due anni, è riuscito ad attirare l’attenzione di un gran numero di appassionati provenienti da varie nazioni e pronti a sfidarsi in una competizione che mette a dura prova riders e motociclette, come del resto fa (o dovrebbe fare) ogni rally raid che non intende tradire il senso di una specialità difficile ma altamente spettacolare.

La nuova manifestazione nasce con l’intento di avvicinare al deserto quanti più amanti dell’off road possibile (smentendo il luogo comune secondo il quale il rally raid è di difficile accesso e riservato a pochi specialisti) e si articolerà su tre appuntamenti: l’esordio sarà in Italia (Montepulciano, 22 aprile 2012), ma le due tappe più impegnative si terranno in terra d’Africa e precisamente a Marrakech (16-19 maggio) e a Merzouga stessa (3-9 novembre). 
 
Il tutto è stato presentato ufficialmente la scorsa settimana in occasione del Motor Bike Expo di Verona e alla presenza di Alessandro Botturi, pilota del Team Bordone Ferrari che alla Dakar 2012 ha conquistato il titolo di rookie dell’anno: il luogo era senz’altro l’ideale per promuovere un’iniziativa che è però passata un po’ in secondo piano per le eccezionali proposte portate alla fiera scaligera dal mondo dei customizer, che alla fine hanno avuto la scena tutta per loro. 
 
L’iscrizione al nuovo evento costa 2500 euro, cifra alta ma nella quale è compreso anche il Kit Rally Lite (cablaggio elettrico, mascherina porta faro, piastre di supporto per la strumentazione, riserva d’acqua di tre litri e supporti per GPS, E-Track ed antenne), utile per trasformare una semplice moto da enduro in una due ruote adatta ad affrontare il deserto in tutta sicurezza, ma non i trasporti moto in Marocco ed il noleggio strumenti per le tre gare di quello che potrebbe anche diventare un vero e proprio campionato.