Novità moto 2010: Yamaha XT1200Z Super Teneré

Yamaha XT1200Z Super Teneré
Nella giornata di ieri è tornata finalmente alla ribalta una star del passato. Stiamo parlando della Yamaha XT1200Z Super Teneré, che è l’erede della fortunata serie di moto prodotte dalla casa dei tre diapason. Questo interessante due ruote è stato presentato nella giornata di ieri, ricevendo peraltro diversi apprezzamenti dagli addetti ai lavori. Merito ovviamente dei progettisti della casa giapponese, che sono riusciti a creare un bolide decisamente prestante che darà sicuramente del filo da torcere agli acerimmi nemici della Bmw e della Ducati.

Andiamo dunque ad esaminare questo due ruote. La XT1200Z Super Teneré monta un innovativo motore bicilindrico fronte marcia a 4 tempi DOHC ie avente 4 valvole e 2 candele per cilindro. L’alesaggio per corsa è pari a 98×79,5 mm, mentre la coppia massima e la potenza massima si attestano rispettivamente sui 114 Nm a 6.000 giri e sui 110 cv a 7.250 giri. La fasatura è di 270°, con intervalli di scoppio di 270° e 450°. I due alberi di bilanciamento consentono inoltre di ridurre al minimo le vibrazioni durante la marcia. La lubrificazione è a secco, e il serbatoio dell’olio è nel carter motore, mentre lo scarico è costituito da un due in uno.
 
Riguardo la ciclistica, questo 1200 consta di un telaio realizzato in acciaio ad alta resistenza (che peraltro è molto più resistente del tradizionale alluminio). La forcella telescopica, è composta da due pali da 43 mm, ed è completamente regolabile in precarico, compressione ed estensione. Al posteriore invece spicca un monoammortizzatore nel precarico e nell’estensione.
 
Degno di nota è anche il comparto sicurezza, che presenta un particolare ABS di serie denominato “Unified Braking System” (sistema di frenata integrato) oltre all’interessante sistema di trazione YCC-T (in grado di mantenere stabile l’aderenza del mezzo).
 
Per finire, questa endurona presenta anche una ricca dotazione di serie. Coppia borse laterali in alluminio, griglia protettiva per il faro, piastra paramotore in alluminio, paramani di serie ed una presa da 12 volt posta sul cupolino costituiscono infatti un inviadibile quid in più.