MotoGp: Stoner deluso dal Mugello

[galleria id=”797″]Casey Stoner al Mugello ha ottenuto un bel quarto posto maturato al termine di una gara ragionata e molto combattuta. Il suo compagno di squadra Nicky Hayden è incappato in una scivolata nel corso del sesto giro mentre lottava nel gruppo dei primi sei. 
 

Il pilota australiano ha sfruttato bene il potenziale che oggi aveva su questa pista: non avendo il passo per poter lottare con i primi tre, è rimasto incollato a Randy De Puniet e a Marco Melandri per la maggior parte della gara e ha sferrato un attacco deciso ad entrambi nell’ultimo giro.

“Ad essere onesti ci aspettavamo qualche cosa di più dopo il warm-up di questa mattina e dopo le modifiche che avevamo fatto. Probabilmente invece era un po’ troppo caldo per le gomme che abbiamo scelto. 
 

La parte sinistra lavorava molto bene ma la parte destra aveva poco “grip” e non mi dava fiducia, costringendomi ad allargare la traiettoria in tutte le curve in quella direzione. Non è esattamente il risultato che avrei voluto su questa pista, una di quelle che mi piacciono davvero. 
 

Quando, a metà gara, ero davanti a Marco e Randy, mi sono reso conto che non avrebbe avuto senso continuare a forzare, non ce l’avrei fatta ad andare via e avrei rischiato troppo. Ho quindi deciso di restare alle loro spalle e di aspettare l’ultimo giro per passare”. 
 

Claudio Domenicali, Direttore Generale Ducati Motor Holding, ha così dichiarato. “Un quarto posto al Mugello certamente non ci soddisfa del tutto ma in ogni caso, soprattutto alla fine, abbiamo visto una bella gara. 
 

Casey ha dimostrato carattere, aveva capito di non avere il ritmo per lottare per il podio, ha aspettato il momento giusto e alla fine ha ottenuto il miglior risultato possibile. Per qualche motivo, che andremo ad analizzare, non aveva più il “grip” che ci aspettavamo dopo le modifiche che avevamo fatto questa mattina, ma ha comunque ottimizzato ciò che aveva a disposizione. 
 

Nicky è stato penalizzato da una partenza non eccezionale e nella foga di recuperare è arrivato lungo in una curva ed è caduto. Però complessivamente ha dimostrato ancora una volta di avere un passo competitivo che infatti si è concretizzato in un’altra ottima qualifica e in un inizio di gara in cui comunque ha lottato nei primi cinque”.