MotoGP, la Spagna si lega al motomondiale

Il Motomondiale da tempo ha una grande impronta spagnola. L’organizzatore, la Dorna, è spagnola, così come sono tanti i piloti al via e quest’anno saranno ben quattro le gare in calendario con l’ingresso del tracciato Motorland Aragon al fianco di Jerez, di Barcellona e Valencia. 
 

Il Segretario di Stato del Turismo, Joan Mesquida, e il consigliere delegato di Dorna Sports, Carmelo Ezpeleta, hanno così annunciato in un atto celebrato presso il ministero dell’industria, turismo e commercio, un accordo che permetterà la promozione della Spagna come destino turistico attraverso il Campionato del Mondo MotoGP.

L’accordo avrà una durata di tre anni (fino alla stagione 2012) e approfitterà della protezione internazionale del mondiale di motociclismo, con circuiti in quattro continenti e milioni di spettatori in tutto il mondo, per far conoscere la Spagna attraverso il brand “Visit Spain”. In questo modo, i piloti spagnoli che correranno nellle tre categorie mondiali (MotoGP, Moto2 e 125cc) rinforzeranno l’immagine della marca España, non solo sul piano sportivo, ma anche in ambito turistico. 
 

Molti di loro erano presenti nell’evento di questo giovedì tra cui il due volte Campione del Mondo 250 Jorge Lorenzo (Fiat Yamaha Team) e gli esordienti nella classe regina Héctor Barberá (Páginas Amarillas Aspar Team) e Álvaro Bautista (Rizla Suzuki). 
 

Grazie a questo accordo, il ministero dell’industria, turismo e commercio sarà lo sponsor principale del Grand Prix of Japan, che si terrà il 25 aprile sul circuito di Motegi e avrà visibilità in pista, sul podio, così come nella sala della conferenza stampa. In più, i vincitori delle tre categorie riceveranno un trofeo replica del “Sol de Miró”, logo del turismo spagnolo da più di 25 anni. 
 

Il Segretario di Stato del Turismo ha parlato di questo accordo: “La copertura televisiva del mondiale di motociclismo arriva ogni anno a più di 225 milioni di case. Questo accordo ci permetterà di arrivare a tutti loro per proporgli di visitare la Spagna!”. 
 

Il Consigliere Delegato di Dorna Sports Carmelo Ezpeleta si è mostrato soddisfatto dell’accordo: “Da anni i tre GP spagnoli, ora quattro, fanno da richiamo per gli stranieri che vogliono visitare la Spagna, e con questo accordo ci auguriamo che giunga molta più gente, non solo a seguire le corse, ma a conoscere tutto quello che offre il nostro paese”.