MotoGP: Gresini-Ten Kate insieme per il progetto CRT

MotoGP 2012 fa ormai rima con CRT: la nuova categoria di team voluta dalla Dorna Sports per rimpinguare una griglia di partenza che l’anno prossimo sarà orfana anche di Suzuki continua a far discutere animatamente appassionati ed addetti ai lavori tanto che la vera novità tecnica della stagione, ovvero il ritorno alle moto da 1000 cc, è passata fin da subito in secondo piano e in tale posizione pare destinata a rimanere per lo meno fino a quando non inizieranno prima i test e quindi le gare.

Anche il team Gresini è coinvolto nella nuova sfida: l’anno prossimo, infatti, la struttura diretta da Fausto Gresini stesso schiererà al via una Honda RC 213 V affidata allo spagnolo Alvaro Bautista ed una CRT pilotata dall’italiano Michele Pirro; quest’ultima monterà un telaio sviluppato dagli specialisti della FTR ed un motore derivato da quello della Honda CBR 1000 RR
 
Questo propulsore dovrebbe essere fornito (secondo fonti provenienti dal paese dei tulipani) dagli olandesi della Ten Kate Racing Products, diretta da quello stesso Ronald Ten Kate che da anni porta in pista nel mondiale Superbike le supersportive della casa dell’ala dorata. 
 
L’anno prossimo i pilota Honda nel World SBK saranno il riconfermato Jonathan Rea e il giapponese Hiroshi Aoyama, ex compagno di squadra dello sfortunato Marco Simoncelli proprio al team Gresini: le trattative per il passaggio del pilota nipponico avrebbero quindi permesso ai due manager di conoscersi più da vicino e di arrivare ad un accordo vantaggioso per entrambi. 
 
In tempi di crisi economica tutto questo non è certo scandaloso, ma a questo punto è lecito chiedersi se il propulsore fornito da Ten Kate sarà proprio lo stesso del mondiale Superbike o se magari sarà rivisto ed un po’ pompato: in entrambi i casi, comunque, si rischia la scomparsa della Superbike (che non ha più senso, visto che in MotoGP ci saranno i team CRT con motori derivati dalla serie) e della MotoGP stessa così come è stata finora (nella classe regina del motomondiale si confronteranno infatti veri e propri prototipi, quelli dei team ufficiali, e motociclette che montano motori di serie e telai di tipo prototipale sviluppati ad hoc).