Motocross, Cairoli prosegue la conoscenza della KTM

Alla seconda tappa di Castiglione del Lago degli Internazionali d’Italia del Motocross di fronte ad oltre 5000 spettatori Antonio Cairoli ha proseguito la conoscenza della KTM 350cc con cui correrà nel mondiale Motocross MX1 in questa stagione dopo il titolo ottenuto lo scorso anno. 
 

Il Campione del mondo MX1 in carica si è potuto confrontare con piloti di grande livello come il connazionale David Philippaerts che ha vinto le due gare balzando così al comando negli Internazionali d’Italia con la sua Yamaha, anche se Cairoli è rimasto molto soddisfatto della sua prova.

Il Campione del Mondo MX1 ha approfittato del grande evento e dell’altissimo livello degli avversari, molti dei quali clienti scomodi del siciliano anche nel Mondiale, per perfezionare il proprio feeling con il 350 SX-F e testare il proprio stato di forma – come se ce ne fosse stato ancora bisogno dopo le meraviglie di Mantova e di Valence! 
 

Bella e combattuta la gara della MX1 che ha visto Cairoli guidare con precisione dietro al battistrada Philippaerts, mattatore della giornata In gara uno dopo una buona partenza Tony è stato rallentato da un duello con l’americano Albertson: dopo averlo superato il distacco da Philippaerts era tale che pur girando sugli stessi tempi del pilota Yamaha il rischio per raggiungerlo sarebbe stato troppo alto. In gara 2 un contatto con un doppiato ha prodotto lo stesso risultato, il secondo gradino del podio. 
 

La strategia di gara dell’alfiere di Patti è sembrata quella di chi ancora è in fase di studio, più che di attacco, tattica giustificata anche dalla presenza eccezionale nel più illustre dei campionati nazionali, che quest’anno non è tra gli obiettivi prioritari di Tonino e della KTM che quindi hanno guardato con meno interesse alla classifica finale di giornata. 
 

I colori KTM sono stati difesi egregiamente anche dai piloti schierati dai team supportati, come il tedesco Marcus Schiffer del Silver Action, terzo classificato nella classe MX2 dopo una combattutissima gara! 
 

I giovani poi si dimostrano ancora una volta la migliore delle sorprese: Dawid Ciucci (KTM Steels Max Bart) bissa il successo ottenuto nella prima gara di Montevarchi e continua a dominare fermamente la classifica riservata agli UNDER 17. Alle sue spalle Bernardini, che onora il progetto KTM – Maglia Azzurra UFO Corse di cui fa parte con un ottimo secondo posto, davanti al giovanissimo Riccarco Babbini (KTM Rosignano) che chiude il podio. 
 

Questi ultimi hanno corso con le KTM 125 due tempi, le vere protagoniste della gara! Un grande applauso al Moto Club Trasimeno, per l’egregio lavoro svolto sulla nuova pista “Gioiella” modificata ed inaugurata per l’occasione. Prossimo appuntamento il 14 Marzo, al “Ciglione della Malpensa”, a Cardano al Campo.