MotoGP, i piloti Suzuki visitano il reparto corse

Prima del secondo test ufficiale della MotoGP 2010 Al Sepang International Circuit in Malesia i piloti del team Rizla Suzuki Loris Capirossi e Álvaro Bautista, al fianco del Team Manager Paul Denning, hanno fatto tappa in Giappone per un tour al quartier generale Suzuki. 
 

I direttori Suzuki Toshihiro Suzuki e Masanori Atsumi e il Managing Officer Sadayuki Inobe hanno mostrato ai due piloti il museo ‘Suzuki Plaza’, con Capirossi e Bautista che hanno anche visitato il reparto corse dove hanno discusso delle evoluzioni della GSV-R 2010 attesa al riscatto.

Loris Capirossi è stato molto felice di questa visita. “È stata una grande esperienza visitare il quartier generale e il centro tecnico ingegneristico di Suzuki. Ero già stato lì prima, ma mai avevo visitato il Museo Suzuki: è stato fantastico vedere le tecnologia della casa giapponese di inizio secolo e le prime moto del 1952. 
 

Suzuki è sempre stata innovativa, un carattere facilmente ritrovabile nel museo. Ho anche visto qualche vecchia Suzuki che vorrei per me, magari potrei arrivare a qualche accordo!” 
 

Alvaro Bautista ha potuto conoscere da più vicino i programmi 2010: “Voglio ringraziare Suzuki per questo invito e per la grande esperienza di oggi. Sono nuovo in MotoGP e nuovo in Suzuki, ma mi sento parte della famiglia ogni giorno di più. 
 

Il centro tecnico è incredibile e mi ha aperto gli occhi su quanto Suzuki stia lavorando per noi. Inoltre ora conosco meglio la sua storia avendo visitato il museo”. 
 

Loris Capirossi e Alvaro Bautista così come tutto il team Rizla Suzuki MotoGP attendono adesso i prossimi test di Losail. 
 

In Qatar sarà l’ultima occasione per provare la nuova moto prima di iniziare la stagione 2010 proprio a Losail in data 11 aprile. 
 

Dopo i buoni tempi nei test di Sepang la Suzuki è adesso fiduciosa di un campionato 2010 ai vertici dopo un periodo difficile. 
 

La domanda è se davvero la Suzuki riuscirà a compiere un salto in avanti per recuperare lo svantaggio che separa le moto da Yamaha, Honda e dalla Ducati: secondo la Suzuki questo sarà possibile nel 2010, così come tornare alla vittoria.