La moto del futuro entra finalmente in produzione: dal Giappone arriva il mezzo che cambierà tutto

La motocicletta che è destinata a cambiare il futuro delle due ruote sta per arrivare dal Giappone. Ecco quali sono le sue caratteristiche.

Uno dei mezzi più richiesti e apprezzati è senza dubbio la moto, soprattutto grazie alle sue capacità di destreggiarsi nel traffico e di muoversi con velocità e agilità. Secondo gli esperti, la motocicletta ha una storia antichissima, addirittura secolare: il primo mezzo a due ruote dotato di un motore fu creato nel lontano 1869, grazie ad un brevetto depositato dall’ingegnere francese Louis-Guillaume Perreaux.

la moto del futuro sta arrivando
La moto giapponese del futuro – nextmoto.it

Questa primitiva motocicletta possedeva un motore a vapore, ed era chiamata Velocipede a Grande Vitesse. Quest’ultima fu prodotta fino al 1871 e il suo motore a vapore monocilindrico era alimentato ad alcool, a petrolio o in alcuni casi anche ad olio (quello utilizzato per le lampade). La sua velocità massima era di soli 35 km/h.

La moto del futuro arriva dal Giappone

Gli ingegneri giapponesi hanno realizzato la prima moto ibrida che cambierà il futuro delle due ruote. Per la precisione, il suo nome è Kawasaki Ninja 7 Hybryd: si tratta di una motocicletta innovativa, dotata di un cambio privo di frizione, di un nuovo propulsore bicilindrico e di un motore elettrico da 9 kW. Tutto questo sprigiona una potenza di 43,5 kW. Fortunatamente questo progetto non è un sogno, ma è già realtà: infatti, entrerà in commercio agli inizi del 2024.

Inoltre, la Kawasaki Ninja 7 possiede un innovativo propulsore bicilindrico parallelo raffreddato a liquido, accompagnato con un nuovo cambio senza frizione, il quale può essere manuale o automatico. Un’altra grande novità è il motore elettrico da 9 kW che garantisce una potenza totale di 43,5 kW, la quale può anche diventare di 51,1 kW in alcuni tratti. Per quanto riguarda l’alimentazione elettrica, è generata da una batteria agli ioni di litio, capace di regalare le medesime prestazioni di una moto a motore endotermico di 600-700 cm cubici.

la moto del futuro sta arrivando
Kawasaki Ninja 7 Hybryd (via YouTube) – nextmoto.it

L’accelerazione, invece, ricorda quella di una Supersport di 1000 cm cubici, mentre il consumo è simile a quello di una motocicletta da 250 cm cubici. Tuttavia, la casa motociclistica giapponese ha inserito anche un sistema molto utile chiamato start-and-stop, il quale riesce a fermare il motore durante le brevi soste, come ad esempio al semaforo o quando c’è un grande traffico. In altre parole, non appena il veicolo smette di muoversi in avanti il motore si arresta per poter risparmiare energia.

Il design, invece, è caratterizzato dal classico telaio a traliccio, che compare in molte altre moto Kawasaki. Ciò che sorprende maggiormente sono i colori, tra i quali è possibile trovare il verde lime opaco unito all’argento e al nero.

Impostazioni privacy