Jonathan Rea vuole vincere a Kyalami

[galleria id=”1801″]A Monza nelle prove Jonathan Rea si era rivelato uno dei più veloci in pista e le previsioni pre-gara erano per un doppio risultato da podio. Invece il pilota nord irlandese ha chiuso il bilancio con zero punti nel carniere. 
 

Un week-end stregato, per il portacolori Hannspree Honda Ten Kate, che era arrivato in Italia con l’obiettivo di tenere il passo dei due diretti rivali per il titolo, Haslam e Biaggi, e che ora si trova a dover inseguire ad oltre settanta punti di distanza.

Nella prima manche, il nordirlandese stava correndo una gara da protagonista ma a metà gara, proprio mentre si trovata in rimonta su Biaggi, Haslam e sulla coppia Yamaha formata da Toseland e Crutchlow ha chiesto troppo alla sua CBR 1000 RR: entrato in Parabolica fuori dalla traiettoria ideale, Rea ha perso l’anteriore e si è ritrovato sulla sabbia. 
 

“E’ stato un brutto week-end per l’assalto al campionato – dice il giovane pilota Honda – ho commesso un piccolo errore alla fine del rettilineo prima della Parabolica mentre cercavo di evitare Leon e Cal”. 
 

Nella gara del pomeriggio, Rea è stato ancora più sfortunato: alla staccata della Prima Variante, è stato coinvolto in una caduta innescata dal contatto tra Toseland e un altro pilota, finendo poi a terra nella via di fuga insieme all’inglese e a Ruben Xaus e dovendo dire addio ad un’altra possibile prestazione da podio. 
 

“La seconda manche è finita ancor prima di iniziare ma il mio morale non è basso. E’ in momenti come questi che si vede la forza di una squadra e questo team è davvero molto forte. Sono intenzionato a tornare a vincere già dal prossimo week-end, a Kyalami”.