Vista la moto del Presidente della Repubblica? Naturalmente è tutta italiana

Non solo auto per il Presidente della Repubblica. Non molti infatti sanno che in dotazione ci sono anche delle moto davvero speciali. Ecco quali.

Se pensiamo ai motori e al Presidente della Repubblica, pensiamo immediatamente alla sua collezione di auto. Sergio Mattarella infatti dai suoi predecessori ha ereditato una serie di modelli davvero incredibile, con alcuni che ancora oggi porta in strada per i suoi impegni. Sicuramente la più famosa è la Lancia Flaminia 335, modello storico realizzato da Pininfarina tra il 1960 e il 1961 in quattro esemplari, usate per le cerimonie ufficiali come la sfilata del 2 giugno e l’insediamento.

Anche il presidente della Repubblica ha la sua moto
Il Presidente Sergio Mattarella (ANSA) – nextmoto.it

Oltre alle due Flaminia, il Presidente della Repubblica dal 2019 ha in dotazione anche una Maserati Quattroporte di colore “blu istituzionale” e quattro Lancia Thesis, una delle quali in versione limousine, realizzata con apposite blindature e utilizzata per trasportare altri capi di stato in visita in Italia. In pochi sanno però che in realtà nella collezione di Mattarella c’è anche una moto speciale.

Infatti un modello in particolare viene guidata non dal Presidente ma dai Corazzieri che lo scortano in ogni suo evento. Ed è ormai così da molti anni, tanto da essere diventata una vera “istituzione”. E il termine, visto il contesto, è più che azzeccato.

La moto del Presidente della Repubblica

Mattarella come altri suoi predecessori hanno scelto una due ruote italianissima per il proprio corpo di difesa. Ed è una Moto Guzzi California serie speciale, una vera chicca per gli amanti delle custom. Il nome ovviamente richiama al mondo Made in USA, ma c’è un motivo molto particolare.

Tutto è dovuto al Presidente Giovanni Gronchi, che nel 1959 nel suo viaggio in America fu colpito dalle Harley Davidson in dotazione alla polizia scortavano il suo corteo. Per questo decise al suo ritorno di rinnovare il suo “parco moto” passando dalle Moto Guzzi Falcone 500 alle Harley. Alla fine però la mossa non andò in porto, forse per via della scelta “americana” delle moto che avrebbero dovuto rappresentarlo. Il messaggio però arrivò forte e chiaro ai dirigenti di Moto Guzzi, che decisero allora di “allettare” il Presidente della Repubblica proponendogli la V7. E da quel momento è stato amore vero.

Le moto del presidente della Repubblica sono ovviamente italiane
Le moto Guzzi in dotazione all’Arma dei Carabinieri (ANSA) – nextmoto.it

Infatti da quel momento l’Arma dei Carabinieri e in particolare i Corazzieri non hanno mai abbandonato Guzzi. Che produsse dei modelli su misura per la scorta del Presidente della Repubblica. In principio fu l’Alce, a cui fecero seguito Astore, Falcone Sport, V7 Special e diversi altri modelli. Oggi per Sergio Mattarella ci sono le Moto Guzzi California 1400 Touring, personalizzate proprio per questo compito.

Si tratta di moto che nelle linee ricordano molto proprio le “sorelle” americane Harley, con un motore bicilindrico da 1380 cc di cilindrata e testate cromate che sporgono dalla sagoma della motocicletta. La potenza è di 96 cavalli e ben 120 Nm di coppia, che danno il massimo già a soli 2750 giri/min, proprio per facilitare il compito di tenere in equilibrio una moto da più di 360 kg anche alle basse velocità, come richiesto dai cortei presidenziali. Una moto imponente, proprio come i Corazzieri che la guidano. E che ogni volta sorprendono per la loro eleganza e bellezza.

Impostazioni privacy