Ultim’ora Marquez, rivelazione choc: tifosi col fiato sospeso

Marc Marquez sta vivendo uno dei momenti più difficili in carriera dopo l’incidente di Jerez 2020. La rivelazione che lascia con il fiato sospeso.

La stagione 20923 di Marc Marquez sembrava cominciata cn il piede giusto, almeno fino al sabato del Gran Premio di apertura a Portimao, quando è salito sul podio spingendo al limite la sua Honda RC-V. Il giorno dopo ha scoperto di essere ancora dentro un tunnel da cui è difficile uscire da quel terribile luglio 2020, quando un incidente l’ha costretto a quattro operazioni al braccio destro.

Ultim'ora Marc Marquez
Rivelazione su Marc Marquez (foto Ansa) – Nextmoto.it

L’otto volte campione del mondo, sei in classe regina, ha saltato gli appuntamenti a Termas de Rio Hondo, Austin e Jerez, è ritornato a Le Mans centrando una prima fila nelle qualifiche e un 5° posto nella Sprint Race, poi un’altra caduta che lo ha costretto al ritiro nella sfida domenicale. Al Mugello ha piazzato un’altra prima fila nel Q2 senza però ottenere prestazioni in gara, in Germania un nuovo incidente nel warm-up l’ha costretto a dare forfait in entrambe le gare domenicali.

Il consiglio dell’ex campione della Top Class

Cosa sta succedendo al binomio vincente Marc Marquez – Honda che dal 2013 al 2019 ha monopolizzato il Mondiale agguantando sei titoli iridati? Sicuramente l’infortunio di Jerez nel luglio 2020 ha influito sull’interruzione dello sviluppo della RC-V, un handicap accentuato dall’emergenza Covid che ha penalizzato soprattutto i costruttori giapponesi. Adesso però ad essere in bilico è la carriera e la salute del fuoriclasse.

Ultim'ora Marc Marquez
Rivelazione su Marc Marquez (foto Ansa) – Nextmoto.it

Sulle colonne di Motosan Wayne Gardner ha offerto il suo lucido punto di vista da grande esperto del Motomondiale: “Marc ha subito tanti infortuni, ma torna e cade di nuovo… Mi sono ritrovato nella stessa situazione di Marc, in una situazione in cui hai subito molti infortuni ed è difficile ritornare a vincere“. I tanti incidenti influiscono non solo sul fisico ma anche sul morale, considerando che a 30 anni di età è uno dei piloti più anziani della categoria.

In queste settimane si intensificano le voci che lo vorrebbero su un’altra moto o addirittura prendersi un anno sabbatico in attesa di nuove soluzioni di mercato. “Penso che abbia già fatto abbastanza. Ci siamo ritrovati tutti in questa posizione e un giorno ti svegli e dici a te stesso che forse non dovresti correre un tale rischio e sarebbe meglio godersi i giorni che restano nella vita. Ecco come la vedo oggi“, ha concluso Wayne Gardner.