Questa moto fa impallidire Ducati e Kawasaki, arriverà nel 2024: in Italia c’è già la fila al concessionario

Attenzione a quanto sta per succedere sul mercato: questa moto arriverà nel 2024 e fa impallidire Ducati e Kawasaki. Italiani già in fila al concessionario, ecco tutto svelato

La globalizzazione e l’entrata dei colossi cinesi nel mondo delle due ruote ha cambiato, ormai, il mercato delle moto. Non solo la fornitura e le componenti ai marchi più blasonati e prestigiosi, ma anche e soprattutto la realizzazione diretta di veicoli dall’eccellente rapporto qualità-prezzo. In Italia, ne sanno qualcosa Moto Morini e Benelli, che sono tornati a respirare i fasti dei tempi che furono, grazie alla rinascita nata dalla collaborazione cinesi.

SRK1000RR Benelli nel 2024
Eccola qui, arriverà nel 2024 – Nextmoto.it

In particolare, la casa produttrice di Pesaro ha vissuto un vero e proprio exploit con le best seller TRK 502 e Leoncino 500. Un exploit che Benelli ed il Gruppo Qianjiang vogliono continuare a vivere con l’introduzione sul mercato europeo di una superbike a marchio proprio Benelli. Una superbike che, in realtà, è stata già annunciata, svelata e messa in produzione in Cina e che dal 2024 si prepara a sfidare le big del settore. Si tratta della nuovissima SRK1000RR, la maxi sportiva che QJ Motor è pronta a lanciare in collaborazione con MV Agusta e che ha numeri di assoluto rispetto.

SRK1000RR, la superbike di QJ Motors che arriverà anche in Italia con Benelli?

Numeri che parlano di un veicolo concepito per l’utilizzo sportivo. La collaborazione nata con MV Agusta nel 2021 porterà dunque ulteriori frutti ed un propulsore da quattro cilindri da 921 centimetri cubi, capace di sviluppare quasi 130 CV a 10.500 giri/minuto. Un motore che gli appassionati hanno potuto già apprezzare sul concept modern-retrò della 921 S e che ora si prepara a far ruggire la neonata SRK1000RR. 

SRK1000RR Benelli nel 2024
QJ Motor SRK1000RR, arriverà anche in Italia a marchio Benelli? (via YouTube) nextmoto.it

E la ciclistica? Telaio e mono saranno presi in prestito dalla MV Agusta Brutale 1000 RS, mentre la forcella sarà costruita da Marzocchi. Confermato poi il peso importante per essere una maxi supersportiva. Le specifiche di omologazione parlano di un peso a vuoto di 215 chilogrammi a secco, ma non è da escludere un lifting nei prossimi aggiornamenti.

Insomma, QJ Motor si prepara a sganciare sul mercato un missile che possa impensierire i grandi marchi europei e giapponesi. Riuscirà nell’impresa? Le indiscrezioni parlano di un’introduzione della SRK1000RR nel mercato nostrano attraverso il marchio Benelli, ma ulteriori conferme dovrebbero arrivare nei prossimi mesi. Di certo, sarebbe una mossa vincente per il leoncino di Pesaro, che si sfrega le mani all’idea di una supersportiva accessibile a tutti e capace di generare la fila al concessionario.

Impostazioni privacy