Pecco Bagnaia si confessa, la rivelazione lascia di stucco i suoi fan

Oggi Bagnaia è il pilota di riferimento della MotoGP, proiettato al secondo titolo iridato, eppure qualcosa non lo lascia tranquillo.

E’ probabile che nemmeno lui immaginasse di avere una strada così agevole questa stagione. Nonostante un paio di ritiri, Pecco Bagnaia è oggi leader della generale della classe regina del motomondiale con 194 punti contro i 159 del primo inseguitore Jorge Martin.

Pecco Bagnaia svela una sua paura
Bagnaia svela un retroscena che lo riguarda (Ansa) – Nextmoto.it

Decisamente solido nella condotta di gara, nonostante qualche sbavatura, il pilota piemontese sta andando alla grande e, salvo colpi di scena imprevisti, dovrebbe aggiudicarsi il secondo sigillo consecutivo, aiutato da un’ottima Desmosedici e dai guai fisici patiti dal suo vicino di box Enea Bastianini che in molti alla vigilia del campionato avevano dato come suo avversario numero uno.

Malgrado questi dati di fatto innegabili, il protagonista assoluto del Mondiale 2023, ha ammesso di avere limite che, chissà, potrebbe condizionarlo in gara, qualora una situazione particolare dovesse ripetersi con una certa frequenza.

Bagnaia a cuore aperto, cosa non funziona ancora

Delle diciotto manche disputate dallo scorso fine marzo in Portogallo, il rider di Chivasso se n’è portate a casa nove, praticamente la metà, mentre per il resto sono stati tutti secondi posti, tranne che nel difficile fine settimana dell’Argentina dove sono arrivati una sesta e una sedicesima piazza.

Sicuramente un buon ruolino marcia, reso possibile dall’assenza di una concorrenza costante, di quei nomi in grado di braccarti sempre e comunque. Parlando di sé stesso al sito tedesco Speed Week, il 26enne ha evidenziato la peculiarità che lo stanno rendendo un vincente. “So sorpassare quando devo“, ha affermato a proposito della sua scarsa predisposizione al rischio inutile. Ma ovviamente non tutto è perfetto. In particolare le ansie aumentano con il clima avverso.

Bagnaia svela una sua paura
Pecco Bagnaia, leader del Mondiale MotoGP (Ansa) – Nextmoto.it

Guidare su pista bagnata è una mia pecca, per cui devo lavorarci, anche se già la scorsa annata ero stato in grado di fare qualche progresso“, ha confessato con onestà, ricordando come ad esempio in Tailandia con il maltempo sia giunto terzo nel 2022.

Tra le criticità che il ducatista ha dovuto affrontare in questi mesi come d’altronde tutti i suoi colleghi, figura il mini GP del sabato pomeriggio che, essendo replicato ogni fine settimana ha incrementato lo stress e l’attenzione richiesta, in quanto basta una piccola distrazione per fare un danno importante. Emblematico il caso di Bastianini, costretto a saltare numerosi eventi per riprendersi dall’incidente subito esattamente nella primissima manche stagionale.

E’ qualcosa di molto diverso rispetto a ciò a cui eravamo abituati“, ha sentenziato Nuvola Rossa, sostenendo come adesso sia cruciale lavorare bene sin dal venerdì. “Se si hanno dei dubbi, è dura recuperare“, ha quindi ribadito, rimarcando come non vi sia tempo necessario per aggiustare ciò che non funziona.

Come format non è affatto semplice, in quanto ci sono molte cose da fare, specialmente al sabato, quando poi devi scendere in pista e dare subito il massimo. Complessivamente non è male, tuttavia gradirei potermi concentrare maggiormente sulla domenica“, ha concluso il suo pensiero.

Impostazioni privacy