MotoGP, test di Jerez con Pedrosa il più veloce

[galleria id=”375″]Si è conclusa la giornata di test ufficiali della MotoGP a Jerez de la Frontera (la seconda sarà a seguito del GP di Repubblica Ceca in data 16 agosto) con Dani Pedrosa davanti a tutti. Lo spagnolo del team Repsol Honda non ha migliorato il crono registrato in mattinata (1’39.425) e mette ben 60 giri a referto, rimanendo al top della classifica dei tempi. 
 

In seconda posizione Valentino Rossi che ha dimostrato di aver pienamente recuperato dopo la caduta della mattina. Per lui 55 millesimi di ritardo dalla vetta e un totale di 61 giri, praticamente tutti nel pomeriggio.

L’italiano Campione del Mondo in carica si è concentrato su alcune modifiche al motore e sulla risoluzione del maggior problema riscontrato ieri in gara: l’instabilità della moto in entrata di curva. 
 

Jorge Lorenzo conferma quanto di buono fatto questa mattina con un tempo praticamente identico a quello del suo compagno di squadra Fiat Yamaha (+0.026), mentre ottime notizie arrivano dal pilota francese del team LCR Honda Randy de Puniet, 4º a meno di due decimi da Pedrosa. 
 

Recupera posizioni anche Andrea Dovizioso, impegnato nelle prove del forcellone utilizzato ieri Pedrosa: per lui quinto tempo assoluto. Dietro di lui rimangono appaiate le Ducati Marlboro di Stoner e Hayden con nessuno dei due piloti in grado di migliorare le crono messe a segno in mattinata. 
 

Ottava piazza per Ben Spies, ancora una volta ultimo pilota a chiudere il gruppo dell’1’39 (1’39.958), con Loris Capirossi su Rizla Suzuki 9º e Colin Edwards (Monster Yamaha Tech3) 10º. Per l’italiano ancora test con un nuovo forcellone, un nuovo telaio e una nuova gomma anteriore. 
 

Unica caduta della sessione pomeridiana per Àlvaro Bautista (Rizla Suzuki) all’altezza della curva 1. Nessuna conseguenza per lui.