MotoGP, i piloti del team Gresini a Laguna Seca

[galleria id=”1833″]I due piloti del team San Carlo Honda Gresini Marco Melandri e Marco Simoncelli correranno questo fine settimana il Gran Premio degli Stati Uniti sul circuito californiano di Laguna Seca. 
 

Marco Simoncelli correrà per la prima volta a Laguna Seca mentre Marco Melandri ci corre dal 2005 ed in passato è salito sul podio, anche se arriverà non al meglio della condizione.

“Al Sachsenring mi sono divertito molto”, dice Marco Simoncelli che conoscerà Laguna Seca solo nelle prove, “tutta la gara è stata fantastica. Adesso mi aspetta una pista completamente nuova che conosco soltanto con il videogioco Gran Turismo. Non l’ho mai vista e sono molto curioso. 
 

In America la Honda ci darà l’elettronica nuova e quindi sarà un Gran Premio dalle tante novità. Sarà un fine settimana impegnativo per me e per i ragazzi del Team. Tanti “debutti” con un primo turno che prevedo un pò complicato.

Però ad imparare le piste non impiego molto e quindi dovrei cavarmela in fretta, in merito all’elettronica verificheremo e comunque se non dovesse darci nell’immediato dei vantaggi, perchè dovremo capirla bene, sicuramente ci aiuterà in futuro. Spero di continuare su questa strada perchè devo dire che sono particolarmente soddisfatto. ”  
 

Marco Melandri conosce invece il circuito americano a lui molto favorevole. “Laguna Seca è una delle più belle piste del mondiale, secondo me. Ma per me quest’anno non sarà facile. Dopo la gara tedesca sono alquanto demoralizzato perchè pensavo di poter essere fisicamente in una condizione migliore ed invece ho sofferto moltissimo perdendo completamente le forze. 
 

Non è stato facile e quindi vado in America un pò sfiduciato. A Laguna c’è qualche curva a sinistra in meno e quindi spero di ritrovare con maggior facilità il feeling con la moto. Vorrei fortemente riscattare la gara del Sachsenring su una pista che mi piace e dove ho fatto sempre delle buone gare quindi spero di poter far bene e riuscire a lottare il più possible. 
 

L’atmosfera del circuito californiano è speciale, il tracciato è veloce molto guidato e ripeto mi piace molto però non voglio pormi obiettivi perchè prima voglio verificare la mia condizione fisica. Naturalmente vorrei fare una bella gara!”