Luca Marini “sfida” già Marc Marquez: sentite cosa vuole in futuro dalla Ducati

L’italiano del team Mooney VR46 ha le idee chiare sul futuro del team, ecco cosa pensa dello spagnolo.

La carriera di Luca Marini in MotoGp sta prendendo forma di anno in anno. I suoi risultati stanno crescendo e il pilota classe 1997 ha ormai abbandonato lo status di “fratello di Valentino Rossi”.

Parole Marini
Luca Marini è chiaro in merito al futuro del tea (ansafoto.it) nextmoto.it

D’altronde il secondo posto in Moto2, e la conquista della MotoGp ad un’età così giovane non è cosa da tutti. Al momento si trova all’ottavo posto della classifica piloti con un podio conquistato, ma la sua carriera sembra poter prendere il volo nonostante davanti a lui ci siano piloti del calibro di Pecco Bagnaia, Jorge Martin e Marco Bezzecchi.

In un’intervista ad AS Luca Marini ha raccontato la sua carriera e le sue sensazioni. Il pilota del team Mooney VR46 ha raccontato la voglia che ha di vincere un titolo mondiale, ma anche il lavoro che deve ancora fare per poter raggiungere il limite, ma ha anche ammesso alcune sfide che potrebbe accettare in futuro. Un’intervista molto lunga, nella quale Luca Marini non ha nascosto pareri personali, ambizioni e sfide.

MotoGp, Luca Marini pensa anche al team ufficiale

Sono tanti i temi trattati da Luca Marini nel corso dell’intervista concessa ad AS. Uno di questi è stato il possibile approdo nel team ufficiale.

Parole Marini
L’italiano sfida lo spagnolo, occhio l’anno prossimo (ansafoto.it) nextmoto.it

Attualmente Luca Marini guida la Ducati del team Mooney VR46, ma ovviamente il team ufficiale Ducati fa gola tutti i piloti. Per questo motivo ha commentato l’arrivo di Marc Marquez come una bella sfida per tutti a Borgo Panigale. Lo spagnolo metter di certo in difficoltà sia Bagnaia che Martin che Bezzecchi, ma anche lui stesso e Alex Marquez, futuro compagno di squadra di Marc.

Una situazione che sarà difficile da gestire ma che, secondo Luca Marini, non creerà problemi al team, ormai già abituato ad avere diversi piloti che lottano per il titolo pur guidando la “stessa” moto.

Attenzione al prossimo anno, dunque, perchè Marquez ha accettato una nuova sfida con l’obiettivo di tornare a lottare fin da subito per il titolo. Lo spagnolo è parecchio agguerrito e lo sta dimostrando anche elle ultime gare dell’attuale stagione, nonostante una moto non competitiva. Il nono ed il settimo posto in classifica delle ultime due gare dimostrano una crescita innegabile che Marquez ha portato in pista, rispetto alle retrovie dove correva ad inizio stagione.

Impostazioni privacy