EICMA 2011: Yamaha T-Max, tecnica e look innovativi

EICMA è la vetrina ideale per presentare le novità 2012 e Yamaha non poteva certo esimersi dal portare il nuovo T-Max alla fiera milanese, dove gli scooter di grossa cilindrata la stanno facendo davvero da padroni e quasi tutti i costruttori sembrano puntare forte su questi ultimi.

Il nuovo maxi scooter della casa di Iwata presenta un bicilindrico 4T dotato di distribuzione a quattro valvole e raffreddamento a liquido; tale propulsore è in grado di erogare potenza e coppia massime pari rispettivamente a 34,2 kW e 52,2 Nm e rende lo scooter marchiato Yamaha scattante alla partenza e performante in ogni situazione di guida. 
 
La ciclistica non è naturalmente da meno: il nuovo telaio in alluminio alleggerisce notevolmente il mezzo, che può contare anche su una forcella telescopica anteriore ed un forcellone oscillante posteriore i quali offrono ampie escursioni che a loro volta vanno tutto a vantaggio del comfort
 
L’impianto frenante consta di un doppio disco anteriore da 267 mm e da uno singolo posteriore da 282 mm, in linea con quello che accade per le altre proposte di questa categoria; è presente il sistema ABS che garantisce una maggiore sicurezza, specie in caso di manovre come frenate molto brusche. 
 
Il nuovo Yamaha T-Max, infine, si rinnova anche dal punto di vista estetico: il look, grazie a delle carene avvolgenti e ad un parabrezza aerodinamico, è decisamente sportivo e forse anche aggressivo; d’altro canto la casa dei tre diapason ha le corse nel suo DNA e questo riesce a trasmetterlo molto bene anche nei suoi scooter e nel modello T-Max in particolare, dato il grande successo che da lo caratterizza fin dal suo debutto.