nextmoto.it

BMW S 1000 RR: supersportiva da sogno

BMW S1000RR, una vera superbike
BMW S 1000 RR è la moto con cui la casa bavarese entra nel segmento delle supersportive e sfida direttamente i giganti giapponesi che da sempre sono i principali protagonisti in questa fetta del mercato motociclistico. La casa tedesca ha sviluppato una moto che ha ben poco da invidiare alle rivali del Sol Levante e che punta a diventare leader di mercato e nuovo punto di riferimento per la categoria.

La supersportiva di casa BMW presenta un motore a quattro tempi dotato di quattro cilindri in linea con quattro valvole per cilindro e una cilindrata totale di 999 cc. Il raffreddamento è a liquido e il sistema di distribuzione è caratterizzato da due alberi a camme. Tale propulsore è in grado di erogare una potenza massima di 193 cv a 13000 giri/min e una coppia massima pari a 112 Nm a 9750 giri/min. 
 
Per quanto riguarda la parte ciclistica, il telaio è un tubolare a doppia trave in alluminio; la sospensione anteriore presenta una forcella a steli rovesciati con diametro di 46 mm, regolabile in estensione e compressione. Al posteriore è presente un braccio oscillante in alluminio forgiato, regolabile in precarico, estensione e compressione. 
 
L’impianto frenante presenta all’anteriore un doppio disco da 320 mm con pinze Brembo ad attacco radiale a quattro pistoncini e al posteriore un disco singolo da 220 mm con pinza a pistoncino unico. 
 
Per quanto riguarda l’elettronica sono presenti sia l’ABS elettronico che il controllo di trazione dinamico: entrambi presentano ben quattro settaggi diversi che fanno della S 1000 RR una delle moto con l’elettronica più avanzata al mondo. 
 
La S 1000 RR è ovviamente la versione stradale della moto preparata per il mondiale Superbike dal team BMW guidato da Davide Tardozzi, team che sta ottenendo dei risultati quanto meno discreti con Troy Corser e Ruben Xaus
 
La crisi colpisce sicuramente anche la casa tedesca, che però ha deciso di risponderle con l’unico strumento sempre efficace per chi se lo può permettere: i nuovi investimenti.


Pubblicato

in

da

Tag:

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *