Supersport: Crutchlow torna a parlare di Portimao

Sono trascorsi più di sette giorni dal gp di Portimao. Tuttavia per Cal Crutchlow sembra che siano passate appena una manciata d’ore. Il pilota britannico è tornato infatti a parlare della gara decisiva, tradendo un emozione che lo accompagna ormai dal fatidico 25 ottobre.

Il gp portoghese ha infatti sugellato il trionfo di Cal, che è diventato campione del mondo supersport 2009. Tale vittoria è arrivata al termine di una campionato decisamente combattuto, al punto che il titolo è stato assegnato solo all’ultimo gp.
 
Il pilota della Yamaha Sbk è arrivato a Portimao con un vantaggio di 19 punti su Laverty. Questo margine seppur consistente non ha dunque permesso a Cal di prendere il gp sottogamba, visto che un minimo errore avrebbe potuto compromettere la tanto attesa vittoria.
 
Pertanto nell’ultimo gp è stato possibile ammirare il conturbante atto conclusivo di una sfida interminabile tra due ottimi piloti. Duello che però si è svolto a distanza, visto che Eugene Laverty ha vinto la gara mentre Crutchlow si è accontentato di piazzarsi al quarto posto.
 
Ciò ha ovviamente stupito il pubblico, visto che il campione in carica si è sempre mostrato combattitivo e mai domo. Tuttavia Cal ha avuto modo di esternare le ragioni di tale strategia. Il ragazzo di Coventry ha infatti spiegato di aver condotto appositamente una gara rinunciataria, visto che l’unico obiettivo era quello di concludere il gran premio in una posizione che gli permettese di difendersi dagli attacchi del rivale.
 
Oltre ciò il ragazzo ha nuovamente lodato Laverty, sottolineando la grande tenacia che ha accompagnato il pilota del team Parkalgar Honda fino al termine del mondiale. Per finire, il 24enne ha anche ringraziato il team Yamaha per i grandi sforzi profusi nel corso della stagione.