Superbike, la BMW guarda avanti

La BMW nel mondiale superbike vuole provare a vincere dopo la prima stagione d’esordio, e per questo l’azienda tedesca sta davvero facendo di tutto per rendere la propria moto sempre più competitiva e veloce per poter contrastare marchi come Ducati o Yamaha che da anni sono presenti in Superbike. 
 

Anche per questo è stato ingaggiato un uomo come Davide Tardozzi che dopo tanti anni di Ducati può mettersi al servizio della BMW per cercare di indicare la giusta strada per risalire dalle posizioni di metà classifica della Superbike, cercando quella vittoria che resta l’obiettivo della BMW.

I test di Portimao sono stati comunque ritenuti positivi dalla BMW che ha svolto molte prove per sviluppare la S 1000 RR con Troy Corser soddisfatto del lavoro. 
 

“Abbiamo provato molte soluzioni per il telaio e messo a confronto diverse tipologie di pneumatici. Il tempo sul giro con gomme da gara è andato bene ma con la copertura morbida non siamo riusciti a fare ciò che ci aspettavamo. Abbiamo comunque ottenuto molte informazioni utili in vista del lavoro che c’è ancora da fare.” 
 

Parla anche Ruben Xaus di questi test dove è caduto nell’ultima giornata di prove a Portimao. 
 

“L’ultimo giorno non è stato fortunato, per me. Nella sessione della mattina sono caduto e successivamente ho dovuto lavorare su alcune soluzioni tecniche. Tuttavia, i test sono andati bene. Nel corso della stagione avremo due giorni come questi da sfruttare e, da adesso, io voglio dare il meglio. So cosa posso fare e il team mi è sembrato davvero motivato.”