Superbike: Kawasaki all’attacco

[galleria id=”571″]Senza più l’impegno nella MotoGP, il reparto corso Kawasaki ha deciso di destinare tutte (o quasi) le risorse alla Superbike, dove quest’anno ci saranno molti e significativi cambiamenti.

Innanzitutto la squadra: l’ufficialità passa dal sammarinese PSG-1 al britannico PBM, ovvero la struttura di Paul Bird, pronta a schierare due Ninja ZX-10R con i colori “factory” di Akashi. 
 

Con il riconfermato (in Kawasaki) Makoto Tamada ed il neo-acquisto Broc Parkes (proveniente dalla Supersport, dove ha corso con la Yamaha ufficiale), il team Kawasaki punta a ben figurare quest’anno, cercando di dare uno scossone ai risultati finora raccolti. 
 

“Non vedo l’ora di correre la mia prima gara con Kawasaki in Superbike dopo cinque anni di Supersport”, afferma Broc Parkes. “Gli ultimi test a Phillip Island sono stati positivi, pertanto insieme alla squadra crediamo di poter puntare senza problemi alla top ten, anche se non sarà facile visto il livello della Superbike 2009”
 

Più difficile il lavoro per Makoto Tamada, che non ha proprio “stupito” nei test invernali se non in negativo. 
 

“Con la nuova squadra mi sono trovato bene e anche se abbiamo ancora qualche problema credo che si potrà risolvere. Sono fiducioso in vista di Phillip Island, considerando che è sempre stato uno dei miei tracciati preferiti sin da quando correvo nella GP”.