Superbike, Camier vuole il riscatto

Leon Camier quest’anno è alla prima stagione nel mondiale superbike dopo aver vinto nello scorso anno il campionato britannico ed aver preso parte alle ultime due gare del campionato del mondo di Magny Cours e Portimao con l’Aprilia RSV4 sostituendo l’infortunato Shinya Nakano. 
 

Camier si è subito mostrato molto veloce, ma a Phillip Island nella prima gara della stagione 2010 ha commesso diversi errori che non gli hanno consentito di guadagnare dei punti importanti per la classifica anche se il suo rendimento è stato sicuramente positivo come velocità.

A Phillip Island Leon Camier ha infatti dimostrato che potrebbe essere una bella realtà per la WSBK e nonostante solo il 16° tempo di qualifica nella Superpole, è stato nel gruppo di testa per gran parte delle due gare di 22 giri. Ma è certo che non avrà alcuna fretta di tornare al primo tornante a Phillip Island il prossimo anno, che è stato un pò la sua rovina. 
 

Leon Camier ha così dichiarato. “Mi dispiace molto per tutti gli errori che ho fatto. In gara 1’ho provato a passare gli altri piloti al primo tornante, ma sono andato un po’ oltre in frenata e per evitare di colpire Max, sono andato fuori pista. Poi ho davvero spinto per recuperare più posizioni possibili. 
 

Durante gara 2, ho iniziato abbastanza bene ed ero con il gruppo di testa, proprio dietro a Checa, quando ha superato Toseland. Quando ho cercato di passare anche io, siamo finiti un po’ larghi. Poi ho messo una marcia sbagliata e sono uscito nella stessa curva di gara 1″. 
 

Leon Camier è convinto che si poteva conquistare risultati migliori. “Sono deluso perché ho stabilito dei tempi sul giro molto buoni e vedendo come è finita la gara, avrei conquistato un risultato eccellente.” 
 

Concludendo ambedue le gare in 11° posizione, è già nella top ten del campionato, nono. Leon avrà la possibilità di migliorare la sua prestazione a Portimao, in Portogallo, il 28 marzo.