Riders – Andrea Dovizioso tifa Marco Simoncelli

Abbiamo parlato ieri dell’ intervista di Andrea Dovizioso su Riders di marzo.
Il pilota italiano, critico su piloti quali Marco Melandri e Jorge Lorenzo, ha manifestato invece una grande ammirazione per Marco Simoncelli.

Marco Simoncelli sarebbe uno che ha talento per Andrea Dovizioso (e, a dirla tutta, anche per molti altri) e anche un briciolo di aiuto.
Lui è un talento. – dice il forlivese – Adesso è maturato. Non credo che la crescita sia stata frutto solo dell’intelligenza. Penso sia stato aiutato“.
La domanda su chi sia questo “mentore” diventa, a questo punto, necessaria.
 
Chi è che ha aiutato Marco Simoncelli a maturare così tanto?
Valentino. – è la comprensibile risposta di Andrea Dovizioso che aggiunge: “ Essendo suo amico, se l’ è preso a cuore e gli ha fatto capire dove sbagliava“.
 
L’ analisi del neo-pilota ufficiale Honda HRC continua passando da Marco Simoncelli a Daniel Pedrosa, team mate in Honda e candidato al Titolo 2009.
 
Mi piacerebbe avere un rapporto rilassato – dichiara Andrea – anche se credo che venga influenzato da Alberto Puig. Dani è un ragazzo tranquillo. Poi quando ci sono altre persone con lui, cambia“.
 
E infine, un’ attenta analisi sul circus della MotoGP e una riflessione su sè stesso che scopre alcuni lati poco conosciuti, un carattere determinato e vagonate di maturità: “Adesso non basta più il risultato, devi anche essere brillante. Tanto di cappello a Valentino, ma non tutti possono essere estroversi come lui. – dice Andrea – Ho sempre avuto un carattere deciso e riflessivo, forse per il rapporto che hanno avuto i miei genitori, un pò burrascoso. Per anni hanno litigato in casa. Mettendomi nel mezzo non ci stavo bene. In questo modo sono stato obbligato a maturare, a capire cosa mi serviva per farmi stare bene“.
 
Un doloroso flashback per il pilota forlivese che cerca la sua grande chance in Honda.
Andrea ha sempre dimostrato una grande maturità e uno spirito disilluso. C’è solo da sperare che questa sua indole pragmatica e poco incline ai compromessi e alle alte strategie gli permetta di vivere serenamente.
In bocca al lupo Andrea!