MotoGP 2012: Estoril a rischio

Estoril: la pista portoghese é a rischio
Il calendario MotoGP 2012 sembra non trovare pace per colpa della crisi economica che sta colpendo l’economia europea: ad essere a rischio è stavolta l’appuntamento presso la pista portoghese dell’Estoril, inserito tra i round stagionali ma ancora in attesa di una conferma da parte degli organizzatori, che devono decidere il da farsi entro il mese di febbraio, ovvero in tempi che sono alquanto stretti (cosa che di solito non è mai d’aiuto quando si tratta di problemi di questo genere).

D’altro canto le dichiarazioni di Carmelo Ezpeleta, CEO di Dorna Sports (la società che gestisce il motomondiale), lasciano davvero pochi margini di trattativa e ci si potrebbe quindi ritrovare ad avere una stagione con 17 gare invece che con le 18 previste e con il Gran Premio del Portogallo destinato quindi a saltare. 
 
La situazione è molto simile a quella che nelle scorse settimane ha visto protagonista la pista iberica di Jerez de la Frontera: in quel caso, però, un intervento statale e un secondo da parte di Dorna (anch’essa spagnola) hanno salvato la situazione e l’autodromo ha potuto confermare il programma delle gare previste per il 2012. 
 
L’augurio è che per la veloce pista lusitana si possa arrivare ad una soluzione simile o almeno ad un compromesso che salvi l’appuntamento iridato, visto che alla fine tutti preferirebbero correre 18 gare su 18: le cose per il momento non sembrano però volgere al meglio anche se non è ancora detta l’ultima parola. 
 
In ogni caso nei prossimi anni il circus iridato dovrà per forza diventare meno eurocentrico e quasi sicuramente salteranno alcuni appuntamenti storici e si correrà molto di più in Asia ed in Sud America, zone in cui anche le vendite di motocicli stanno facendo segnare un deciso incremento (sia in termini di numero di unità che in termini di fatturato) che sta di fatto sostenendo i colossi delle due ruote, che altrimenti sarebbero molto più sottotono rispetto ad una situazione già non proprio rosea.