Moto 2: test ad Assen con Alex Criville

[galleria id=”991″]Per la gioia di tutti i nostalgici, Alex Criville è tornato in sella ad una moto. Ovviamente non per gareggiare, quanto per testare il prototipo moto 2, che può dunque annoverare un parco test driver di grande prestigio.

Il trentanovenne spagnolo, si è cimentato infatti in una serrata sessione di test ad Assen, ove ha dato il meglio di se al fine di cogliere le qualità e i limiti prestazionali del due ruote che garaggerà nella neonata Moto 2 a partire dall’anno prossimo.
 
I risultati di tali test sono stati estremamente positivi. Lo spagnolo, nonostante i vari anni di inattività, a tirato fuori la grinta e la propositività di un giovinetto, tirando il due ruote della Blusens bqr f ino a tempi paritetici a quelli fatti registrare dai vari test driver che fino ad oggi si sono cimentati nelle prove libere.
 
Quanto è trasparso dalle sessione test, è stato inoltre confermato dallo stesso Criville, che ha esternato la grande gioia provata nel testare una moto agile e “divertente”. In particolare, lo spagnolo ha evidenziato le ottime prestazioni della moto sia all’entrata dei curvoni che nelle brucianti accelerazioni.
 
Oltre ciò però l’ex iridato della beneamata classe 500, ha però esternato che attualmente la moto 2 non è agli stessi livelli delle 250, anche se è certo che in breve tempo le moto della nuova categoria potranno surclassare decisamente le colleghe della quarto di litro.
 
Pertanto anche Criville si è di fatto aggiunto alla lunga lista di estimatori della moto 2 sviluppata dalla Honda. In tutto ciò però ci si chiede quali siano le contromosse delle rivali. A tal riguardo aleggia una nube di mistero, anche se c’è chi come Angel Nieto giura di aver sentito in pitlane ad Assen dei tecnici Aprilia discutere amabilmente su un prototipo che verrà realizzato a breve.