David Philippaerts 2° a Mantova in Gara 2

[galleria id=”1771″]Dopo un pomeriggio pieno di emozioni, il pilota del team Yamaha Monster Energy Motocross David Philippaerts, può considerarsi davvero sfortunato per aver terminato in 8° posizione il Grand Prix di Mantova, gara valida per il secondo dei quindici round in programma del Campionato del Mondo FIM MX-GP 2010. 
 

Nella 1° manche del Gran Prix della Lombardia l’italiano stava infatti dominando prima di incorrere in un brutto incidente, seguito poi da un eccellente recupero non portato però a termine a causa di un problema tecnico alla sua YZ450F. Nella 2a manche invece Philippaerts ha ottenuto un ottimo 2° posto.

Il weekend era cominciato positivamente con Philippaerts tra i più veloci rider in un tracciato che col passare del tempo ha cominciato a cambiare consistenza diventando sempre più irregolare anche a causa dello svolgersi delle gare di altre due classi. 
 

Il venticinquenne era stato protagonista sabato di un’intensa battaglia contro Tony Cairoli e Max Nagl nelle qualifiche che lo avevano visto terminare davanti a tutti e conquistare la prima Pole Position dell’anno con la rivoluzionaria YZ450F 2010
 

Philippaerts ha condotto la 1a manche per alcuni giri prima di sbagliare un salto e cadere a terra. Un po’ stordito per la botta presa il rider Yamaha a ricominciato a correre rimontando fino alla 5° posizione con ancora alcuni giri da effettuare per terminare la manche. 
 

Purtroppo però la moto incidentata non gli ha permesso di rimanere competitivo per la restante parte della prova e la penalizzazione di un minuto a causa della perdita del db killer – provocata dall’incidente stesso – lo ha fatto scivolare in 19° posizione in classifica. Nella 2° manche Philippaerts ha inceve effettuato una strepitosa prova con un 2° posto finale dietro al vincitore Tony Cairoli e davanti a Max Nagl. 
 

“La 1a manche è stata terribile. Ho avuto un brutto incidente prendendo un salto ad alta velocità. Ho sbattuto la testa al suolo che mi ha fatto rimanere stordito per alcuni secondi. La moto era danneggiata ed è peggiorata col passare del tempo. Ho cercato di recuperare ma a cinque giri dal termine ho rotto il silenziatore. Non mi sentivo sicuro nemmeno a fare i salti. 
 

La 2° manche è andata invece molto bene. Ero secondo e Nagl era veramente veloce. Cairoli era troppo lontano per un recupero ma sono comunque soddisfatto perché la moto sta andando molto bene. Il tracciato era molto irregolare e difficile per cui sono contento di essere uscito senza problemi fisici. Ora andrò ad allenarmi in Belgio per qualche giorno. 
 

Valkenswaard è la prossima gara e lì so di poter correre veloce. Lo scorso anno potevo fare meglio ma non ero al 100%. Quest’anno voglio fare di più e salire sul podio”.